Salve Ospite. Ti trovi nel forum ES - Circolare Rossa. Buona navigazione.
 
PortalePortale  IndiceIndice  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Facciamo il punto

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Rom




MessaggioOggetto: Facciamo il punto   Lun 11 Apr - 19:57

Obtorto collo, di tanto in tanto sento il bisogno di fare il punto della situazione.
Soprattutto se sollecitato da resoconti giornalistici o Tg che riportano le parole e la faccia di Renzi, senza interpretazioni.
Ma in questo caso è intervenuto anche il venerdi di Crozza, che ha mandato in onda alcuni minuti del Rezi social, intento a interloquire tramite twitter e Facebook.

Se una persona cosiddetta "comune" la vedessi parlare come il PdC fiorentino, be', prima mi verrebbe da sorridere, penserei a una recita burlesca, poi avrei pensieri di solidarietà per i suoi familiari.
Mi fermo qui, nel commento di quello che ha mostrato Crozza.

Leggendo invece il resoconto del suo discorso in Parlamnto, sulle cosiddette riforme, viene davvero la depressione.
Non per la sua consueta arroganza, o per l'orgoglio pessimamente riposto, tutta roba vista e rivista, ormai diventata un classico come le barzellette di Berlusconi.
Il pensiero corre in realtà alle riforme stesse, che ci eravamo quasi dimenticati: quella in particolare del Senato, che passa per "abolito" (e qui ci sarebbe già da discutere), mentre è stata semplicemnete abolita la sua elezione, e qui siamo nell'assurdo.
Peggio che mai, se si pensa a quale sia il processo di formazione dell'organo "riformato", che verrà composto da gente che proviene dai consigli regionali.
Se tutto questo non bastasse, l'intruglio viene incartato e presentato come un progresso verso la "democrazia".
Le parole non hanno più senso.

Questo individuo poi sta governando non solo grazie ai voti di Verdini, e ad accordi mai ben chiariti con Berlusconi (e già questo basterebbe), ma con una rappresentanza parlamentare che proviene da una legge dichiarata incostituzionale, e comunque conquistata da colui che appartiene al vituperato gruppo dei "perdenti", cioè Bersani.
Dio solo sa se negli anni passati non abbiamo, noi tutti per primi, criticato aspramente la condotta ondivaga e compromissoria del PD, e la mancata realizzazione di molte leggi e riforme.
Ma si trattava pur sempre di governi che avevano una base parlamentare risicata, e le compromissioni che criticavamo riguardavano certe timidezze o certe confluenze con Forza Italia, o derivazioni di questa.
La roba che questo PdC si vanta di aver realizzato non solo è contestabilissima nel merito, ma è riuscito a realizzarla rendendo sistematico ed esplicito tutto ciò che di politicamnte scorretto era stato fatto dai suoi predecessori, in materia di compromessi e di accordi opportunistici.

Non c'è da salvare niente di questa situazione e dell'immagine stessa di quest'uomo: nemmeno le giacchette, risicate pure quelle.
Umanamente, non mi verrebbe da essere così tranciante, se almeno non fosse così tronfio e non camminasse come un pistolero.

_________________
Storia diversa per gente normale, storia comune per gente speciale
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Facciamo il punto   Lun 11 Apr - 21:16

Il 4 ottobre 2015, la "giovin ministra" diceva: "una riforma di enorme importanza: sia per ottenere dall'Europa la flessibilità necessaria per gli investimenti e il taglio delle tasse. Ma soprattutto per superare il bicameralismo paritario, snellire il processo legislativo e dimostrare che la politica può fare le riforme. In un anno la legge elettorale, il Jobs Act, gli 80 euro e l'Irap, la pubblica amministrazione e la giustizia. In Italia è tornata la politica, la buona politica"
E sui sette voti mancanti di Ncd commentava: "non c'è nessuna lettura politica da dare. I nostri alleati sono stati compatti nei giorni scorsi e lo saranno da lunedì. Erano tutti assenti giustificati dal loro gruppo. Posso dirle? Stiamo cambiando il Paese perché le riforme servono a far ripartire l'Italia, come dimostrano i dati sulla occupazione e sulla crescita"
Noi, a differenza di San Tommaso, non crediamo nemmeno se tocchiamo con mano!

.
Tornare in alto Andare in basso
cardif




MessaggioOggetto: Re: Facciamo il punto   Mer 13 Apr - 1:02

Dal punto di vista del comportamento, non m'è piaciuto dall'inizio, dal 2013 e quei manifesti con la scritta "Renzi ADESSO!". Se questo era il programma, si vedeva già da allora che l'importante era 'vincere' a prescindere...
Diverse scelte, dalle regalie varie ad alcune categorie alle riforme costituzionale ed elettorale, non mi sono piaciute per niente.
Ma la colpa è mia: sono io che sono di sinistra, mica lui.

cardif
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Facciamo il punto   Oggi a 5:37

Tornare in alto Andare in basso
 
Facciamo il punto
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Facciamo il punto...di domanda però!
» argomenti per un dibattito Ateo-Religioso, dal punto di vista storico.
» vediamo di fare il punto della situazione
» Punto d'Impatto (Film Ateo)
» Valgono le promesse fatte in punto di morte?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
ES - Circolare Rossa :: Ponte Matteotti  :: La storia siamo noi-
Andare verso: