Salve Ospite. Ti trovi nel forum ES - Circolare Rossa. Buona navigazione.
 
PortalePortale  IndiceIndice  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Francobolli

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Francobolli   Sab 1 Giu - 19:00

Maggio 2013

Enrico Letta ha ricevuto la
fiducia: quella del segretario di stato Usa John Kerry



e della “mega-P2 globale”:
Gruppo Bilderberg e Commissione Trilaterale la



loggia semi-segreta e
super-esclusiva creata da Rockefeller.



Finalmente. L’Italia se lo
meritava.






Dalla scuderia del palazzo di
Re Giorgio II si comunica



la prossima emissione del
francobollo commemorativo dedicato



alla nomina di Berlusconi
Presidente della CirConvenzione



(di persone incapaci) per le
riforme istituzionali.






Nelle monarchie assolute, la
corona e il trono si tramandano di padre



in figlio, mentre in Italia
si procede per imbalsamazione (presidenza



della Repubblica) o per
partenogenesi, da zio a nipote (presidenza del



Consiglio).





“There is no such thing as society. There are individual men and women,


and there are families. And no government can do anything except through


people, and people must look after themselves first.” Margaret Thatcher





“A causa della crisi, cinque
milioni di americani hanno perso



in questi ultimi anni
l’assistenza sanitaria e oltre 10mila famiglie,



nel Regno Unito, sono
diventate ufficialmente senza fissa dimora.”



Questo nella capitale
dell’impero, figuriamoci in periferia.






“Berlusconi fa veramente i
miracoli. È uno dei più grandi statisti della



Repubblica, alcune cose che
ha fatto verranno scritte nei libri di storia.



Eravamo al 14% e ci ha
portato al governo.” Senatrice Pdl Simona Vicari.






Berlusconi gongola. Sa che il
Pd non può permettersi di alzare il tiro,



ammesso che ne avesse mai la
voglia. L’intenzione di mettere mano al



conflitto di interessi, al
falso in bilancio, a provvedimenti contro la



corruzione e l’evasione
fiscale, appartiene ormai ad un’altra era politica.



Il “salvacondotto” delle sue
disavventure giudiziarie non è più un miraggio.






Il programma dell’austerity
rispecchia da vicino, la posizione



dei ceti abbienti, ammantata
di rigore accademico. Ciò che il più



ricco un per cento della
popolazione desidera diventa ciò che la



scienza economica ci dice che
dobbiamo fare.






“Piazza Affari festeggia voto
e governissimo: Dal giorno del giuramento



di Letta il numero uno di
Fininvest si è messo in tasca 22 milioni al



giorno.” Il nano ercolino
sempre in piedi. Quando vince, vince e quando



perde vince lo stesso.





La crisi economica del
debito, nasce come ipnosi di massa



e si concretizza nella realtà
solo perché è utile.






La condanna confermata in
appello a quattro anni per frode fiscale



corredata da cinque anni di
interdizione dai pubblici uffici e tre



anni dagli uffici direttivi
avrebbe incenerito qualunque politico



inglese, tedesco o
statunitense. Da noi questo tizio passa da statista.



Fa dichiarazioni. Si propone
come Padre della Patria.






Nel pomeriggio dell'11 maggio
2013, un condannato a quattro anni



di evasione fiscale in
secondo grado, ha fatto la sua marcetta su



Brescia contro la
magistratura. I giudici hanno il torto di giudicarlo,



per lui dovrebbero voltarsi
dall'altra parte come il pdmenoelle



o rimanere silenti come le
statue di sale delle Istituzioni.






Dopo la tratta degli schiavi
che finanziò la prima grande rivoluzione industriale,



questa globalizzazione è ciò
che le somiglia di più. Come allora produce ricchezza



e la distribuisce in maniera
vergognosa. In questo sistema criminale della



globalizzazione capitalista,
c’e’ chi tira i fili delle decisioni e trae i massimi profitti,



e ci sono i governi -
caporali che ne eseguono gli ordini.






L'imposizione di un governo
con un programma imposto dalla Bce,



e attraverso questa,
dall'alta finanza sotto «l'incalzare» dello spread



e’ una sudditanza che non
avrà più fine, perché la finanza che controlla



il debito pubblico potrà
imporre a qualsiasi governo le misure che vuole.






«se il fascismo arrivera' in
America avra' il volto della democrazia». Bertolt Brecht






Un paese che voglia essere
leader, come sono stati gli Stati Uniti



d’America, importa più di
quello che esporta. Se i tedeschi non



accettano di importare più di
quello che esportano, non possono



neanche pretendere di essere
leader.






Oltre il 90% delle
transazioni finanziarie sono di natura speculativa.



Si possono benissimo comprare
e vendere milioni di titoli senza nemmeno



possederne uno, scommettendo
sulle continue differenze di valore e questo



ha accresciuto enormemente la
possibilità di nuove crisi.






Le schegge della DC dopo il
crollo della prima repubblica sono andate sia



a destra che a sinistra e
finalmente si sono ritrovate insieme al governo.






E’ stata rinviata sine die, e
forse avviata a prescrizione, la sentenza



che potrebbe trasformare un
padre della Patria in un pregiudicato per



frode fiscale. Per il resto
tutto bene.






Giorgio Napolitano è stato
rieletto Presidente da una maggioranza



parlamentare che è la stessa
del governo Monti, voluto, a suo tempo,



fortemente da Napolitano.
Viva l’Italia!!






Ad Atene il prossimo 7 – 8
giugno. Perché, se quel paese è stato il



laboratorio in cui si sono
realizzati gli effetti devastanti delle



politiche europee, possa
diventare ora il luogo della costruzione



dell’opposizione continentale.
Per fermare l’austerity prima che



questa distrugga la
democrazia.






Vogliamo parlare di crisi?
Secondo la Banca d’Italia negli ultimi vent’anni



c’è stato un passaggio di 15
punti di Pil, pari a 230 milardi di euro dagli



stipendi ai profitti e alle rendite.





Vogliamo parlare di crisi? Lo
sceicco del Qatar aspetta il completamento



dei passaggi burocratici che
lo renderanno proprietario di sei isole greche



del mar Jonio. Se le è
comperate con un assegno di 8,5 milioni di euro.



Wall Street Italia: «Nella
Grecia in crisi umanitaria gli affari non vanno



in vacanza».





Disoccupazione giovanile di
massa. In Grecia e in Spagna rispettivamente il



59% e il 56% dei giovani sono
ora senza lavoro. Gli altri, i “fortunati”,



sono coloro che servono a
tavola con dottorati nella loro tasca posteriore.






Affamare un popolo è un
programma impopolare. Si rischiano rivolte,



sommosse, gesti disperati,
gente licenziata che spara al datore di



lavoro o ai carabinieri sotto
Palazzo Chigi, anche se in genere si



limita a suicidarsi.





Il PD-pensiero sul governo
delle larghe intese: siccome B. potrebbe



andare al governo dopo le
prossime elezioni, tanto vale portarcelo



subito noi. E siccome alle
prossime elezioni potremmo perdere i nostri



elettori rimasti, li mettiamo
in fuga subito e ci leviamo il pensiero.



Come quel tale che, temendo
di diventare impotente, si evirò. Furbo, il PD.






Quello che li spaventa,
manifestamente, non è Grillo. Ma quello che sta



montando dai sottoscala della
società. Quello che li spaventa è il prossimo



movimento che ne prenderà il
posto e il ruolo, ponendo il problema che così



non va e che bisogna cambiare
sistema di vita e produzione, non soltanto



quattro teste bacate
incollate a una poltrona per conto terzi.






"I partiti di oggi sono
soprattutto macchine di potere e di clientela:



scarsa o mistificata
conoscenza della vita e dei problemi della società



e della gente, idee, ideali,
programmi pochi o vaghi, sentimenti e passione



civile, zero." Enrico
Berlinguer






Sono 2.400 operai, tutti
serbi, obbligati a lavorare dodici ore al giorno



per 306 euro al mese. Questo
è quanto mediamente prendono gli operai Fiat



a Kragujevac.
Tornare in alto Andare in basso
 
Francobolli
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
ES - Circolare Rossa :: Ponte Matteotti  :: La storia siamo noi-
Andare verso: