Salve Ospite. Ti trovi nel forum ES - Circolare Rossa. Buona navigazione.
 
PortalePortale  IndiceIndice  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Di Caponnetto non ne parlavano e ne parlano mai

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
flaviomob



Età : 46
Località : Monza

MessaggioOggetto: Di Caponnetto non ne parlavano e ne parlano mai   Sab 1 Giu - 12:01

'Di Caponnetto non ne parlavano e ne parlano mai'

Sabato 01 Giugno 2013 09:28
di Isabella Pascucci - 31 maggio 2013

Cinque nipoti adorati e una vita al fianco del magistrato che ha inventato, dato vita e visto colpito a morte il Pool antimafia: Antonino Caponnetto. Ad Elisabetta Baldi Caponnetto piace essere chiamata Nonna Betta. E vuole che le si dia rigorosamente del ‘tu’. Chiama suo marito ‘il nonno’, il nome in codice dato al giudice durante gli anni di piombo di Cosa Nostra.

Quando hai saputo dell’attentato di Capaci, hai pensato che avesse vinto Cosa Nostra?
«No, mai. Del resto, Falcone sapeva che lo avrebbero ammazzato a Palermo. Questo il motivo per cui aveva chiesto di guidare, quasi sicuro che la fine sarebbe arrivata presto. E quando Borsellino telefonò al nonno gli disse: “È morto tra le mie braccia”. Lo stesso Borsellino sapeva bene, dal giovedì precedente alla strage di via d’Amelio, che a Palermo era arrivato il tritolo destinato a lui e alla sua scorta. E quando mio marito lo salutò quel giovedì, dicendo “Ci si rivede la prossima volta”, Borsellino rispose “Ma sei proprio sicuro che ci sarà una prossima volta?”. E lo abbracciò, disse mio marito, con una forza così alta da fargli male. Non ci hanno mai detto chi fosse presente all’ufficio Sicurezza il giorno di quell’attentato: nessuno si era preoccupato di far sgombrare la strada dalle macchine, così fu possibile piazzarci l’esplosivo».

Tuo marito temeva di poter essere bersaglio della Mafia?
«Quando fu istituito il Pool a Palermo e lo intervistarono, chiedendogli “Sa a che cosa va incontro?”, rispose: “A 63 anni si può mettere in conto anche la morte”. Non c’ha mai pensato, non ne ha mai parlato e non ha mai avuto paura. Nonostante tutto, abbiamo vissuto bene anche in quei quattro anni ».

Eppure quelli del Pool e delle stragi mafiose non furono anni facili.
«Ricordo il giorno in cui si consumò l’attentato a Rocco Chinnici: il nonno non mi disse nulla. Ma io qualcosa gli dissi, accusandolo di quell’omissione. E mio marito mi fulminò con la sua risposta: “E non mi ringrazi?”. Mentre il nonno era a Palermo, vivendo protetto in una caserma della Guardia di Finanza, restai sola a Firenze per quattro anni e quattro mesi, a ricevere quotidianamente minacce. Dopo la firma della sentenza del maxiprocesso, trovai una corona da morto addossata al cancello della mia casa. Ma la scostai e uscii. Senza paura. Nino venne a trovarmi solo tre volte, per pochi giorni. Però, avevamo quella nostra telefonata quotidiana a mezzogiorno, e quella telefonata mi faceva dire “non sono sola”. Poi, è tornato e abbiamo iniziato a vivere con cinque scorte. E anche per loro, il nonno era un padre: gli unici eroi sono le scorte. Sono più di un parente».

Come cambiò la vostra vita?
«Non potevamo andare in giardino e neanche affacciarci alla finestra. E non sono mai potuta andare a fare una ‘giratina’ fuori, mano nella mano, con Nino. E questa è una cosa che mi è sempre mancata. Però, dopo quei 4 anni e 4 mesi così sofferti, averlo 24 ore su 24 accanto era straordinario, anche se Nino non era un uomo che chiacchierasse, non era un ‘compagnone’».

Com’è stata la vostra vita insieme?
«Abbiamo trascorso la nostra vita in silenzio. Però il cervello del nonno lavorava sempre, era sempre in moto. Anche quando partivamo la mattina con le due macchine della scorta a farci ala, il nonno scherzava con loro, come fossimo una grande famiglia allargata. Insomma, quel silenzio era denso di affetto. Quando sedevamo sulla stessa poltrona, appoggiavo la testa sulla spalla di Nino, quello era l’angolino per me. E ora mi manca tanto l’angolino del nonno. Quando posso lo chiedo ai miei figli».

Chi era l’uomo di cui si è innamorata?
«Mio marito iniziò a scrivere un diario il 5 settembre 1940, quando compì vent’anni, dicendo che avrebbe avuto come guide sempre l’onestà e la solidarietà. Studiava Legge, ma si chiedeva perché continuasse a studiare una materia così arida, dal momento che non avrebbe avuto intenzione di lavorare tra quattro mura né come avvocato, né come notaio o giudice. Finita la guerra ebbe un posto come cassiere in Banca. Ma subito dopo, iniziò a studiare per il concorso in Magistratura, tutte le notti, fino alle tre di notte. E vinse al primo tentativo».

Ora una Fondazione ricorda quel giudice coraggioso.
«La Fondazione è nata anni fa, perché nell’immaginario collettivo esistevano solo Falcone e Borsellino ma di Caponnetto non ne parlavano e ne parlano mai. Anche quando siamo andati all’inaugurazione dell’anno accademico c’erano le foto e i cartelloni dei giudici simbolo della lotta alla mafia, ma quelli del nonno no. Ed è qualcosa che fa tanto, troppo male».


Isabella Pascucci (www.articolo21.org, 31 maggio 2013)

http://networkedblogs.com/LKSjJ
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Di Caponnetto non ne parlavano e ne parlano mai   Sab 1 Giu - 21:19

E' vero. Ricordo il sorriso buono di quel vecchio giudice spilungone, e la deferenza con la quale si rivolgevano a lui Falcone e Borsellino.
Ha dovuto anche vivere la tragedia della morte dei suoi discepoli.
Ricordo il suo commento desolato,dopo l'attentato a Borsellino, da uomo veccchio sopravvissuto quasi ingiustamente ai suoi figli putativi: "E' finito tutto, è finito tutto...".
Ma continuò ad andare per scuole, ad insegnare la necessità di contrapporsi alla mafia con le armi della coscienza civile.
Un grande maestro, di quelli che incidono nelle coscienze individuali, e rimangono sconosciuti alla folla distratta, in grado di ricordare solo gli eventi eclatanti, non la faticosa costruzione di una morale alternativa.
Tornare in alto Andare in basso
flaviomob



Età : 46
Località : Monza

MessaggioOggetto: Re: Di Caponnetto non ne parlavano e ne parlano mai   Ven 14 Giu - 8:00

Radiomafiopoli

Mafia, la parola tabù dei programmi di governo.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Di Caponnetto non ne parlavano e ne parlano mai   Sab 29 Ago - 11:54

flaviomob ha scritto:
Mafia, la parola tabù dei programmi di governo.

E le commemorazioni pubbliche possono anche evitarsi ... per altri impegni inderogabili.
.  .  .  .  .  . 
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/08/29/sicilia-crocetta-dimentica-libero-grassi-la-vedova-perche-non-e-qui/1992358/
 
Sicilia, Crocetta non va a commemorare Libero Grassi. La vedova: “Dispiaciuta”
 
(…) Anche quest’anno la commemorazione si è aperta con Alice e Davide Grassi, figli della vittima, spruzzare di vernice rossa il luogo dell’uccisione, in via Vittorio Alfieri a Palermo. Quindi è stato affisso il cartello con su scritto: “Il 29 agosto 1991 qui è stato assassinato Libero Grassi, imprenditore, uomo coraggioso, ucciso dalla mafia, dall’omertà dell’associazione degli industriali, dei partiti e dall’assenza dello Stato”. Un pezzo di carta perché i figli si sono sempre opposti, per protesta, ad esporre una lapide nel luogo in cui fu ucciso il padre 24 anni fa.

.  .  .  .  .  .  .  . 
Ah, cosa faremmo senza questi "uomini della provvidenza"?
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Di Caponnetto non ne parlavano e ne parlano mai   Oggi a 21:13

Tornare in alto Andare in basso
 
Di Caponnetto non ne parlavano e ne parlano mai
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» fonti pagane parlano di Gesù
» Buttiglione: "essere gay è sbagliato"
» Come parlano i Monoteisti?
» ma quando iniziano a parlare i bimbi?
» La raffinatissima cultura musulmana

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
ES - Circolare Rossa :: Ponte Matteotti  :: Cento passi-
Andare verso: