Salve Ospite. Ti trovi nel forum ES - Circolare Rossa. Buona navigazione.
 
PortalePortale  IndiceIndice  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Per chi ha figlie, nipoti, sorelle...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
flaviomob



Età : 46
Località : Monza

MessaggioOggetto: Per chi ha figlie, nipoti, sorelle...   Ven 5 Feb - 12:18

Magari fare due chiacchiere può essere utile.

http://selfesteem.it.dove.com/Articles/Written/hyper-sexualisation_of_girls.aspx#.VrNqFceg6EE.facebook
[size=43]Le ragazze e l'iper-sessualizzazione[/size]


La televisione e i social media trasmettono un’immagine iper-sessualizzata delle ragazzine. Che impatto può avere questo fenomeno sull’autostima di tua figlia? E come darle gli strumenti per interpretarlo nel modo 
giusto?

L'iper-sessualizzazione e la crisi dell’autostima


Una ricerca sulla sessualizzazione dei giovani, condotta nel 2010 dalla Dottoressa Linda Papadopoulos e commissionata dal Governo del Regno Unito, rivela che l'attuale generazione di giovani donne è in preda a una crisi di autostima. Infatti, "L'esposizione a un ideale di femminilità altamente sessualizzato è causa scarsa autostima, di stati d'animo negativi e persino depressione nelle donne e nelle ragazze di oggi".
Nel suo libro Raising Girls, lo psicologo Steve Biddulph sostiene che, in una cultura come la nostra in cui l’apparenza è tanto importante, le ragazzine sono più "depresse e stressate che mai". Un’altra ricerca più recente, condotta da Dionne Taylor, docente presso Birmingham City University, ha dimostrato l’impatto negativo della cultura hip hop sulle giovani donne britanniche di colore, provando che l’iper-sessualizzazione, solo non ha danneggiato la loro autostima, ma ha avuto anche un impatto deleterio sulle loro opportunità di istruzione e di lavoro.

Che cos'è l'iper-sessualizzazione?


Il termine "iper-sessualizzazione" indica la tendenza a raffigurare e pensare la donna come oggetto sessuale. Oggi, Infatti, i media, il marketing e prodotti destinati alle ragazze le spingono – in modo palese o inconscio - ad assumere comportamenti inadatti alla loro età e a essere sessualmente esplicite. Ci sono tantissimi esempi di questo fenomeno: basta accendere la TV o fare un giro per negozi, per trovarsi di fronte a pubblicità che mostrano ragazze giovanissime in pose "sexy" e a programmi in cui le ragazzine sono vestite in modo provocante e si esibiscono in balli disinibiti sulle note delle canzoni delle pop star del momento, i cui testi sono spesso volgari. Basta digitare la parola "iper-sessualizzazione" su un qualsiasi motore di ricerca per trovare tantissimi esempi di questo fenomeno.

Il ruolo dei media


Dionne Taylor spiega che le giovani donne che ha intervistato nel corso del suo studio si sono abituate a vedere sessualizzazione come "parte integrante della loro quotidianità, a causa di pop star come Miley Cyrus e Rihanna e dei loro video musicali volgari ed espliciti". Per questo, ha lanciato un appello all'industria musicale, invitando a smorzare i toni e a raffigurare la donna in maniera più equilibrata e realistica. La Taylor incoraggia anche i genitori e gli insegnanti a parlare apertamente con le ragazze e a insegnare loro a interpretare i messaggi dei media nel modo giusto, acquisendo un occhio critico sulle immagini proposte. Infatti, stanno emergendo dei trend allarmanti tra le adolescenti, come scattarsi selfie al “thigh gap” (lo spazio tra le cosce, che più è ampio, meglio è) e al “bikini bridge” (lo spazio tra gli slip del bikini e lo stomaco, che si ottiene con la complicità di anche sporgenti): queste tendenze sono molto pericolose per l’autostima delle ragazzine, perché le portano a concentrarsi su ideali fisici poco realistici e altamente sessualizzati.

Il “thigh gap” e la sessualizzazione


Il “thigh gap” è una vera ossessione per le adolescenti, tanto che gli è stato persino dedicato un hashtag sui social media. Basta provare a digitare questo termine su un motore di ricerca e si apriranno migliaia di immagini di cosce magrissime. E non è finita qui: esistono addirittura dei blog sull’argomento, dove la magrezza malsana di certe modelle è elevata a ideale di bellezza da raggiungere a tutti i costi. Nelle immagini che si trovano sul web, l’inquadratura va dalla vita alle ginocchia: tutto ciò che viene prima o dopo non conta e questo fatto è davvero allarmante, perché indica la tendenza diffusa a ridurre la donna a oggetto e a una parte del suo corpo, senza dare importanza all’armonia complessiva delle sue forme.
Caryn Franklin, presentatrice televisiva, esperta di moda e co-fondatrice di All Walks Beyond the Catwalk, è preoccupata dal modo in cui la nostra società raffigura la donna. In un’intervista del 2013 al The Guardian, ha raccontato quanto fosse sconcertata dal fatto che la nostra cultura spinga le ragazze a dare valore solo all’estetica. "Alle giovani donne non vengono dati modelli di riferimento femminili che spicchino per doti intellettuali, sportive o lavorative. La conseguenza è che le ragazze guardano con ammirazione le celebrity da rivista patinata e vedono nella moda l’unica via alla femminilità e al successo”.

L'iper-sessualizzazione e il fenomeno dei selfie


C’è un fenomeno che spopola sui social media, non solo tra i giovani: il selfie. Più di un milione di foto sono postate su instagram con l’hashtag #selfie e, secondo unrecente studio, il 91% di degli adolescenti che hanno un profilo sui social media hanno pubblicato online almeno un selfie. Sebbene si tratti di un normalissimo autoritratto fotografico e scattarsene uno ogni tanto sia un gesto innocuo, le adolescenti di oggi tendono a imitare le pop star che vanno di moda, postando sul proprio profilo foto che le ritraggono poco vestite e in pose volgari. Olympia Nelson, una studentessa di 11 anni, ha pubblicato un articolo su The Age in Australia intitolato "Dark undercurrents of teenage girls' selfies", in cui sostiene che la popolarità di una ragazzina dipenda dal suo modo di fare provocante e da quanto è ammirata dalle sue compagne . "Si scattano foto davanti allo specchio con l’espressione imbronciata e con addosso vestitini succinti per dimostrare quanto si piacciono e con la speranza di strapparti un “like” che dia una conferma alla loro vanità”.

L'iper-sessualizzazione delle ragazze: le cose devono cambiare


Con la nascita delle applicazioni di fotoritocco per cellulari, tablet e computer, le adolescenti possono modificare il proprio aspetto e cancellare i cosiddetti “difetti” dalle proprie foto con un semplice click. Di questo passo, le nostre figlie corrono il rischio di non riconoscersi più e di sviluppare un’immagine falsata di se stesse. Per evitare che questo accada, è molto importante provare a trasformare il selfie da moda a strumento per conoscersi meglio, come abbiamo provato a fare noi di Dove con questo video, in cui abbiamo chiesto ad alcune madri e alle loro figlie di scattarsi selfie che raffigurassero il loro lato autentico e spontaneo, senza usare filtri ed effetti.
Nel marzo del 2014, la rivista inglese Girl Talk ha condotto un sondaggio, chiedendo alle lettrici (che hanno dai 7 ai 12 anni) quale fosse l’aggettivo con cui gli sarebbe piaciuto essere descritte. La maggioranza di loro ha risposto “carina”. Preoccupata da questo risultato, Bea Appleby, la redattrice della rivista, ha deciso di sensibilizzare le ragazzine sul tema del femminismo, con la campagna #girlsareamazing, perché "Abbiamo il dovere di mostrare alle nostre lettrici che la femminilità ha tantissime forme, devono solamente trovare quella in cui si sentono a proprio agio."
Un buon modo per contrastare l’ipersessualizzazione sarebbe che i media iniziassero a celebrare le ragazze e le donne per le loro qualità che non hanno a che fare con l’aspetto fisico, come i talenti, la determinazione e la forza. Malala Yousafzai, la studentessa pakistana vincitrice del premio Nobel per la pace per il suo impegno nel campo dell'educazione, è un ottimo esempio di come le ragazze possano cambiare il mondo. Dovremmo porre le basi per una cultura in cui le donne e le ragazze non siano immaginate e raffigurate come oggetti e dove il loro valore non sia misurato sulla loro attrattiva sessuale. Dobbiamo costruire una cultura e una società dove vengano riconosciute per il loro talento e la loro personalità. 

AutriceLisa Lister, fondatrice di Sassyology.com, scrittrice e autrice.
Tornare in alto Andare in basso
Rom




MessaggioOggetto: Re: Per chi ha figlie, nipoti, sorelle...   Ven 5 Feb - 14:39

Flavio, c'è poco da parlare, o moltissimo.
A me vengono in mente una dozzina di frasi che in realtà, più che esprimere un giudizio, funzionerebbero bene, cascuna, come titolo di un libro.

Faccio solo qualche esempio.
- E' una forzatura associare al concetto di bellezza quello del sesso.
- Nella società della comunicazione di massa, qualunque fenomeno assume un aspetto mostruoso.
- Più che di iper-sessualizzazione sarebbe forse meglio parlare di banalizzazione del sesso, che coincide con la banalizzazione di qualunque altro valore personale.

_________________
Storia diversa per gente normale, storia comune per gente speciale
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Per chi ha figlie, nipoti, sorelle...   Ven 5 Feb - 22:43

flaviomob ha scritto:
http://selfesteem.it.dove.com/Articles/Written/hyper-sexualisation_of_girls.aspx#.VrNqFceg6EE.facebook

(...) Dovremmo porre le basi per una cultura in cui le donne e le ragazze non siano immaginate e raffigurate come oggetti e dove il loro valore non sia misurato sulla loro attrattiva sessuale. Dobbiamo costruire una cultura e una società dove vengano riconosciute per il loro talento e la loro personalità. 

Quasi tutti pensano così, riferendosi alle ragazze ma anche ai ragazzi ed agli adulti in generale; in pubblico, però, dicono il contrario per non sfigurare ma essere alla moda e, tacitamente, per essere accettati o per ricevere consensi.
"Il bello, le nuove energie, le aspettative, il dinamismo" sono propri del mondo giovanile e nessuno vuole abbandonarlo, anche se si è in età avanzata.
Il mondo degli adulti spinge a badare alle apparenze, a curare la propria persona oltre ogni limite biologico.
Non mi sembra che questa campagna sortirà qualche effetto sociale.
In Italia pare che spopolino molto cuochi e veline, ma personal trainers e chirurghi plastici ed estetici la fanno da padrone; lo stesso mondo politico, negli ultimi 20 anni ha avuto due leader massimi (uno anche tuttora) che  non si sono risparmiati a contare più sul loro look (chioma, soprattacchi, polsini, specchi, abbigliamento e linguaggio cool, aerei personali, etc.) per parlare alle masse ... maledicendo, naturalmente, i gufi ed i rematori contrari: ricordiamoci, poi, il berlusca quando dava come prospettiva alle ragazze il matrimonio con un marito  ricco. 
Ma, un uomo ricco e attempato s'involerebbe a nozze solo con una donna giovane e leggiadra ... allora le mamme e le figlie sono state costrette ad attrezzarsi!   balla
Tornare in alto Andare in basso
Rom




MessaggioOggetto: Re: Per chi ha figlie, nipoti, sorelle...   Ven 5 Feb - 22:56

Iafran, la ricerca della dottoressa Papadopoulos ha i limiti (grandi) che hanno tutte le ricerche sociologiche, le quali si occupano di problemi umani schematizzandoli e riducendoli a grandezze statistiche, o a gestualità.
Se la sociologia non diventa filosofia o arte, serve a poco, o meglio serve solo a segnalare un tema, a formulare una domanda, senza dare una risposta.

_________________
Storia diversa per gente normale, storia comune per gente speciale
Tornare in alto Andare in basso
cardif




MessaggioOggetto: Re: Per chi ha figlie, nipoti, sorelle...   Ven 5 Feb - 23:25

Buona sera a tutti allegro 

"La televisione e i social media trasmettono un’immagine iper-sessualizzata delle ragazzine."
"Un buon modo per contrastare l’ipersessualizzazione sarebbe che i media iniziassero a celebrare le ragazze e le donne per le loro qualità che non hanno a che fare con l’aspetto fisico, come i talenti, la determinazione e la forza."

Ma stiamo parlando di un nuovo mondo, o del mondo reale dove il maschilismo impera? Dove chi decide è per lo più un maschio che fa distinzione tra la propria figlia, da tenere a casa, e le altre ragazzine da guardare in giro e in tv? Se anche le direttrici donna mettono in bella vista gli stereopiti della donna perfetta, per vendere di più sapendo che la cosa attira uomini e donne, chi dovrebbe fare questa azione di contrasto?

In verità non mi pare che ci sia questa tendenza tanto consistente da diventare un problema sociale. M'è capitato di passare davanti a qualche scuola, o prendere la metro all'ora di uscita dalle scuole, e non ho visto questa massa di ragazzine aspiranti fammes fatales.
Però ho girato in Italia mentre l'indagine è stata fatta in Inghilterra, e non so su quale campione; forse la sera davanti ai pubs e locali vari delle grandi città.
Comunque sono d'accordo che se quel mito è l'unico obiettivo di una ragazzina, questa corre il rischio di perdere molto altro, e anche se stessa. E per quelle poche l'attenzione di genitori e docenti può essere utile.
Nelle scuole ci dovrebbe essere uno psicologo che tiene d'occhio gli eventi due giorni alla settimana. Non solo per cogliere stress e problemi di atostima, ma anche fenomeni di bullismo, di diffusione della droga ed altro.
Per non cadere dalle 'nubi' quando un ragazzino vene pestato, o una ragazzina viene molestata o addirittura qualcuno si suicida.

cardif
Tornare in alto Andare in basso
flaviomob



Età : 46
Località : Monza

MessaggioOggetto: Re: Per chi ha figlie, nipoti, sorelle...   Dom 7 Feb - 10:25

Concordo, Cardif. E penso che agli insegnanti e a molti genitori andrebbe dato qualche strumento psicologico-formativo per affrontare questi temi, che nelle ragazze adolescenti possono generare l'incapacità di accettare il proprio corpo e un senso di inadeguatezza profondo, fino all'anoressia.
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Per chi ha figlie, nipoti, sorelle...   Oggi a 21:15

Tornare in alto Andare in basso
 
Per chi ha figlie, nipoti, sorelle...
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Lampedusa. Vendevano le figlie a 3 euro.
» "I nonni e l'adozione"
» problemi con la sorella
» aggiornamenti: prima visita eugin e sorelle
» Facciamo un test a noi come figlie/i ?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
ES - Circolare Rossa :: Ponte Matteotti  :: La storia siamo noi-
Andare verso: