Salve Ospite. Ti trovi nel forum ES - Circolare Rossa. Buona navigazione.
 
PortalePortale  IndiceIndice  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Eja eja per il compagno Verdini

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Rom




MessaggioOggetto: Eja eja per il compagno Verdini   Dom 26 Lug - 12:44

Leggendo il titolo del 3D, gli amici del forum si aspettano che segua un'invettiva, o un gagliardo pippone sulle metamorfosi del fu partito di Gramsci-Togliatti-Longo e Berlinguer.
Niet.
E' lontano il tempo delle pippone analitiche, che rimangono comunque negli archivi.
E' lontano il tempo del grido di Moretti, ultimo Neurone Rosso.
Adesso è solo il tempo di Crozza.

Rimangono, a sostenere le sorti e le ragioni del Partito di Renzi, solo tre categorie di cittadini/elettori.

Quelli che avevavo aderito al PD non essendo mai stati di sinistra: liberali, orfani di LaMalfa, democristiani, amanti della quadriglia.

I consumatori compulsivi della versione Light di ogni prodotto: cocacola senza zucchero, gelati di soja, polpette di zucchine, yougurth magro, latte scremato.

I militanti dementi, o interessati a far carriera ( spesso sono dementi e interessati alla carriera, accoppiata vincente): difendono sempre e comunque l'ultima versione della "linea", anche quando fino alla sera prima avevano difeso quella opposta. In genere sono i più aggressivi. Li riconosci subito, perché usano con cadenza serrata l'aggettivo "mio" riferito al partito, con il sottotitolo (a volte solo implicito e non dichiarato) "noi sappiamo, voi non capite un cazzo".

Eja eja, compagno Verdini, sei arrivato nel posto giusto jocolor 
Like a Star @ heaven

_________________
Storia diversa per gente normale, storia comune per gente speciale
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Eja eja per il compagno Verdini   Dom 26 Lug - 21:20

Rom ha scritto:
Eja eja, compagno Verdini, sei arrivato nel posto giusto jocolor  

Ma ci vedi un fatto eclatante in questa mossa? Questa azione di Verdini ha solo il merito di ribadire ad alta voce che il governo delle larghe intese è sostenuto integralmente dai "diversamente berlusconiani" e, apparentemente in percentuale minima dai "berlusconiani" (ma sostanzialmente al 99% se dovessero vacillare le "larghe intese per il bene del ... l'ex cavaliere").

Tutto questo per parlare ai più creduloni (elettori del PD) e per non dire niente di nuovo ai normali ex elettori del PD.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Eja eja per il compagno Verdini   Lun 27 Lug - 11:28

Le "larghe intese per il bene dell’Italia", ecco cosa producono:
 
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/07/27/bavaglio-su-registrazioni-nascoste-nicola-gratteri-questa-legge-e-un-regalo-ai-criminali/1909145/
 
Bavaglio su registrazioni nascoste, Nicola Gratteri: “Questa legge è un regalo ai criminali”  di Beatrice Borromeo
 
“Un grande regalo ai criminali”: il giudice Nicola Gratteri fatica a prendere seriamente quei provvedimenti nascosti nella riforma del processo penale che renderebbero di fatto “impossibili le indagini di mafia”.
 
D: Gratteri, partiamo dal divieto di registrare un colloquio di nascosto: si rischiano fino a quattro anni di carcere.

R: Noi sproniamo continuamente i cittadini a collaborare con lo Stato nella lotta alle mafie, chiediamo che denuncino, che non siano omertosi. È davvero molto grave lanciare il messaggio che lo Stato adesso vuole l’opposto, ovvero punire l’imprenditore che ha la prontezza di registrare col cellulare chi lo minaccia o gli chiede il pizzo. Anche perché gli avvertimenti avvengono una volta sola, poi arrivano le bombe. Non possiamo permettere contraddizioni così evidenti, e abbiamo davvero bisogno dell’aiuto della gente nella raccolta della prova.   (continua)
Tornare in alto Andare in basso
cardif




MessaggioOggetto: Re: Eja eja per il compagno Verdini   Lun 27 Lug - 22:54

Verdini. Emissario di Berlusconi in campo avverso (si fa per dire). Oppure personaggio che ha bisogno di vivere dove il potere è più forte, per esigenza dello spirito o alla ricerca di una maggior protezione.
Il problema non è lui. E' il PD e la sua natura. E' la Boschi che dice: che male c'è.

cardif
Tornare in alto Andare in basso
einrix




MessaggioOggetto: Re: Eja eja per il compagno Verdini   Mer 29 Lug - 20:36

Se Bersani avesse avuto la maggioranza anche al Senato, non staremmo a fare questi discorsi.
Ma visto che un sacco di gente, Bersani non lo ha voluto, che quella gente, a vario titolo, si becchi Renzi.

Buona serata.
Tornare in alto Andare in basso
cardif




MessaggioOggetto: Re: Eja eja per il compagno Verdini   Mer 29 Lug - 20:49

E chi lo dice che Renzi avrà la maggioranza, alle prossime elezioni? L'italicum?
E' come dire che Berlusconi non ha presentato bilanci truccati, avendo approvato una legge ad hoc.

Comunque io parlo della natura di questo Nuovo PD, o come si chiamerà alle elezioni. Non è solo il Segretario del Partito a definirne l'anima, ma l'insieme degli esponenti. E se c'è Verdini dentro e altri fuori, qualcosa cambia.


Non parlo di Bersani e/o Renzi.

Strade diverse.

cardif
Tornare in alto Andare in basso
einrix




MessaggioOggetto: Re: Eja eja per il compagno Verdini   Gio 30 Lug - 14:23

Non so chi vincerà le prossime elezioni, cardif, e non so neppure se Renzi sarà il Presidente del Consiglio per tutta questa legislatura. Spero che le prossime elezioni politiche non le vinca né Salvini-Berlusconi, e neppure il Grillo-M5S, anche se ciò è molto difficile visto che insieme hanno oltre il sessanta per cento dei voti e con la legge elettorale voluta da Renzi, l'effetto Parma-Pinzarotti è più che sicuro (notare che tra Berlusconi-Salvini e Grillo, è più probabile che vada quest'ultimo, al ballottaggio).
Chiunque del PD vinca, rispetto a loro, a me va bene, anzi, benissimo. Non sto nemmeno a spiegare perché!
Ad ogni modo, in democrazia chi vince vince ed i cocci sono i suoi.
Tornare in alto Andare in basso
cardif




MessaggioOggetto: Re: Eja eja per il compagno Verdini   Gio 30 Lug - 16:14

E' da Jacques de La Palice: 'in democrazia chi vince, vince'; e chi lo nega. Ma non è che, dal momento che Renzi è il probabile futuro vincitore (anche se al momento non si sa), è meglio stare sul suo carro, anche se non si sa cosa si vince. Questa logica ha consentito di 'vincere' anche a dittatori italici non tanto tempo fa.
Renzi e il suo Nuovo PD, che lui dall'inizio diceva di voler rifondare rottamando tutti, è il meno peggio dell'offerta politica attuale a prescindere da come Lui lo rifondi e chiunque raccolga per strada. Perciò è inutile discutere di PD: bisogna tenersi Renzi così com'è, senza stare lì a blaterare su ciò che di meglio potrebbe fare, perché tanto ad una nuova dittatura non ci arriverà.
Renzi promette miliardi di riduzione di tasse, mentre il debito pubblico cresce a vista d'occhio di talpa. Eppure era previsto che debba essere ridotto di 1.000 mld in venti anni (50 mld all'anno), per rispettare i famosi parametri europei (60% Debito/PIL e non il 132% attuale). L'Italia del sud è già al di sotto della Grecia. Ma non ha importanza: bisogna tenersi Renzi, dovunque porti l'Italia. Salvo poi a crocifiggerlo se l'Italia dovesse scivolare sotto la Grecia, come dopo la caduta di Mussolini quando nessuno più era fascista.

Però, visto che va bene che 'chiunque del PD vinca', io spero che vinca uno diverso da Renzi, dal suo italicum, buona scuola, riforma RAI, art.18 e dal suo Partito della Nazione.
Ma, dato che è legittimo avere delle opinioni e conservarle, mi sembra inutile ripeterle all'infinito, tanto non ha nessun effetto pratico.

cardif
Tornare in alto Andare in basso
cardif




MessaggioOggetto: Re: Eja eja per il compagno Verdini   Ven 4 Set - 15:52

"L'Italia del sud è già al di sotto della Grecia."  L'avevo scritto, prima.

Voglio fare un'altra prova:



Sono contento che l'Espresso del 10/09  affronti il problema; spero che sensibilizzi e che possa avere ripercussioni; che spinga il governo a fare qualcosa. Fatti, e non ...

cardif

riuscita!
vabbè ... c'è poco da gioire
Tornare in alto Andare in basso
einrix




MessaggioOggetto: Re: Eja eja per il compagno Verdini   Ven 4 Set - 23:15

Credo che qualcuno lo desideri, ma il Sud c'è e a suo modo è attivo.
In un paese così complesso, non c'è da aspettarsi che tutto il territorio abbia lo stesso tasso di sviluppo. Deve avere le stesse leggi, e con il welfare la redistribuzione deve interessare anche i territori meno fortunati, ma oltre a ciò, non si può fare molto di più. Anche la Germania, la Francia, la Gran Bretagna hanno regioni e stati con più o meno problemi. L'Europa stessa dovrà fare dei popoli meno sviluppati una sua ragione di esistenza, volendo privilegiare la sua unità in essi.

Altro discorso è dire cosa si può fare, se se ne ha la voglia e se si è capaci, ma non si può andare oltre ciò che è fattibile e ragionevole.
Prendiamo il Porto di Gioia Tauro. A che serve quel porto? Le merci, arrivando a Gioia Tauro si trovano in prossimità dei mercati o devono essere caricate sui treni e sui Tir e portate altrove, al centro, al Nord, in Europa. E allora, perché farle arrivare a Gioia Tauro e non a Genova, a Livorno, o a Trieste, che sono porti più vicini ai clienti. Oggi, chi vuole andare dalla Sicilia con un carico di merce da Palermo al Nord o in Europa, sceglie il traghetto da Palermo a Genova o a Civitavecchia, o a Napoli.

Questo per dire che non sempre le grandi opere servono, specie quando non servono! Si potrebbero fare poli di eccellenza nel campo delle nuove tecnologie, se ci fossero imprenditori illuminati, o se lo stato si facesse carico di quelle start up. Ma sono concetti che dopo Mattei, in Italia non hanno trovato vasto consenso, così restiamo tributari dall'estero per tutte le nuove tecnologie. Quelle si che avremmo potuto svilupparle nelle regioni del nostro sottosviluppo, ma ci voleva la volontà politica che neppure il popolo pare abbia. Insomma, ci lamentiamo, ma la realtà è che non sappiamo neppure cosa vogliamo fare, per non dire di ciò che non sappiamo fare, salvo contare gli insuccessi e lamentarcene.
Tornare in alto Andare in basso
cardif




MessaggioOggetto: Re: Eja eja per il compagno Verdini   Sab 5 Set - 0:43

einrix, certo: non sono proprio tutti morti, al sud.
Avrai letto gli articoli su l'Espresso, o almeno l'editoriale di Vicinanza che scrive: "-Dobbiamo uscire dalla rassegnazione- disse Renzi un anno fa. -Il vero problema è la politica, non i soldi-  ha sottolineato un mese fa davanti alla direzione del PD convocata d'urgenza."
 Ma "ci lamentiamo, ma la realtà è che non sappiamo neppure cosa vogliamo fare, per non dire di ciò che non sappiamo fare, salvo contare gli insuccessi e lamentarcene."
Allora capisco perché "il meridione è assente dal programma ufficiale della Festa nazionale dell'Unità.... Solo sabato 5 settembre è stato ricavato un buco: in un orario non proprio di punta, le 10 del mattino, ci sarà un seminario coordinato da Debora Serracchiani..." (sempre da l'Espresso).
Perché è colpa di quelli del sud, anche se Renzi ha detto che manca la politica. Infatti mancano Emiliano, De Luca e gli altri, ma c'è la Presidente del Friuli al seminario.
Forse è per questo che cresce la Lega e il M5S al sud, nonostante oggi tutti i Presidenti delle Regioni del sud siano del PD.
Forse Renzi ci stupirà col masterplan per il Mezzogiorno, promesso per l'autunno, prima della legge di stabilità, con la convocazione degli stati generali fatto da Federica Guidi, ministro.
Speriamo.
Comunque è pur vero che l'abisso risale almeno all'unità d'Italia e che nessuno è riuscito a ridurre granché; perciò perché sperare in Renzi?

cardif
Tornare in alto Andare in basso
einrix




MessaggioOggetto: Re: Eja eja per il compagno Verdini   Sab 5 Set - 13:23

In questi cento anni solo un sordo non vede lo sviluppo che c'è stato in Meridione, come un cieco non sente ragioni.
Il meridione è cambiato moltissimo, come del resto è cambiato il settentrione, quindi il problema sta nel vedere se il tasso di sviluppo del meridione o del settentrione, è soddisfacente e per chi.

Non c'è solo il problema dello sviluppo, ma anche quello della redistribuzione, ed in subordine, la questione della qualità dello sviluppo. Tutti temi che andrebbero toccati, ma che spesso di essi se ne perde il significato, specie alla luce di quelle trasformazioni sociali legate alle leggi sul lavoro ed alla enorme crescita della produttività. Come slogan uso dire che la produttività è meglio che venga trasformata in felicità, piuttosto che in disoccupazione. E quella trasformazione, che è in corso in modo invisibile, spesso viene vissuta come il bicchiere mezzo vuoto - la disoccupazione e la precarietà dei giovani - o il bicchiere mezzo pieno - figli con molto tempo libero ed alta scolarizzazione.
Senza contare quell'allungamento della vita, che accompagnato all'alta scolarizzazione ed al lavoro femminile, ha ridotto di molto il tasso di natalità, appena in crescita con l'immigrazione.

E' a partire dai dati concreti, tra i quali c'è quello che non in tutte le regioni vi può essere sviluppo industriale, ma che occorre coltivare le vocazioni agricole, e quelle culturali, che si può ridisegnare il nuovo sviluppo delle regioni del paese, cercando di valorizzare le eccellenze e redistribuire tutto il surplus, allo scopo di mantenere la coesione della nazione. Cose simili devono essere pensate e concepite anche in Europa, che non può essere tutta Lombardia o Bavaria, ma deve essere anche Grecia e Portogallo.

Vado a cuocere gli spiedini...
Un saluto a tutti
Tornare in alto Andare in basso
cardif




MessaggioOggetto: Re: Eja eja per il compagno Verdini   Gio 8 Ott - 18:24

Questo argomento merita un aggiornamento. Anzi due, sue due frasi scritte sopra.

"Comunque io parlo della natura di questo Nuovo PD, o come si chiamerà alle elezioni. Non è solo il Segretario del Partito a definirne l'anima, ma l'insieme degli esponenti. E se c'è Verdini dentro e altri fuori, qualcosa cambia."
Non riporto i link, ma sottolineo che oggi questa considerazione sta su tutti i giornali e viene ripetuta in tutti i talk show. Ed è un aspetto mica tanto secondario, per il futuro del Nuovo PD.

"Forse Renzi ci stupirà col masterplan per il Mezzogiorno
" promesso entro settembre.
E invece, piuttosto che alla fiera di Bari, dove poteva illustrare il suo grandioso masterplan, Renzi ha preferito andare a New Iork a vedere la finale di tennis.
Siamo a ottobre inoltrato e di masterplan non ne sento più parlare. Che faccio: resto fiducioso in attesa?

cardif
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Eja eja per il compagno Verdini   Oggi a 5:35

Tornare in alto Andare in basso
 
Eja eja per il compagno Verdini
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Notte insonne e di pensieri...
» La figlia di mio marito non accetta la mia gravidanza...
» primo spermiogramma del mio compagno..si chiede aiuto!!
» Come si fa a scegliere scegliere da sole? L'eterologa e il mio compagno che è diventato un mistero...

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
ES - Circolare Rossa :: Ponte Matteotti  :: La storia siamo noi-
Andare verso: