Salve Ospite. Ti trovi nel forum ES - Circolare Rossa. Buona navigazione.
 
PortalePortale  IndiceIndice  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 Diamanti

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3
AutoreMessaggio
Rom




MessaggioOggetto: Re: Diamanti   Lun 20 Lug - 15:59

 illi solvuntur frigore membra vitaque cum gemitu fugit indignata sub umbras
Le membra si sciolgono, gelide, e la vita con un gemito fugge sdegnata tra le ombre.
Like a Star @ heaven Con questa immagine dantesca si chiude l'Eneide. Le Ombre, l'oscurità, il mistero e il gelo.

Il fascino di Enea, la sua novità e unicità, sta proprio nel fatto che non è un antesignano di Walker Texas Ranger, ma un "eroe triste", in perfetto accordo a come possiamo immaginare il Latium al quale o è approdato o è arrivato scavalvando montagne: una terra aspra, un saltus selvatico, popolato da genti sparse e rustiche.
Capisco che gli eroi che si scannano siano più eccitanti, ma quelli descritti con questa luce sono gli Achei, mentre i troiani sono tutti avvolti da un Presagio nefasto e oscuro, da Cassandra a Ettore e Andromaca.
Tutta l'atmosfera del poema è malinconica, e questo è l'artificio geniale del poeta, che su questa trama a sfondo chiaroscurato proietta di riflesso la grandezza di Roma, che per altro è un tono su tono, perché questa grandezza è sempre stata e sempre stata vissuta come spendore ferreo e non crisolefantino, come quello ellenistico e alessandrino.
Sarebbe stato, per altro, un mediocre sceneggiatore Virgilio, se avesse innestato un eroe scintillante come capostipite di una leggenda che si sviluppa poi con due trovatelli allattati da una puttana pietosa, raccolti nel fango.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Diamanti   Lun 20 Lug - 20:06

Rom ha scritto:

Il fascino di Enea, la sua novità e unicità, sta proprio nel fatto che non è un antesignano di Walker Texas Ranger, ma un "eroe triste", in perfetto accordo a come possiamo immaginare il Latium al quale o è approdato o è arrivato scavalvando montagne: una terra aspra, un saltus selvatico, popolato da genti sparse e rustiche.
Capisco che gli eroi che si scannano siano più eccitanti, ma quelli descritti con questa luce sono gli Achei, mentre i troiani sono tutti avvolti da un Presagio nefasto e oscuro, da Cassandra a Ettore e Andromaca.
Tutta l'atmosfera del poema è malinconica, e questo è l'artificio geniale del poeta, che su questa trama a sfondo chiaroscurato proietta di riflesso la grandezza di Roma, che per altro è un tono su tono, perché questa grandezza è sempre stata e sempre stata vissuta come spendore ferreo e non crisolefantino, come quello ellenistico e alessandrino.
Sarebbe stato, per altro, un mediocre sceneggiatore Virgilio, se avesse innestato un eroe scintillante come capostipite di una leggenda che si sviluppa poi con due trovatelli allattati da una puttana pietosa, raccolti nel fango.

E le discendenze divine reclamate da tutti quelli che "hanno fatto un mazzo così" alle varie popolazioni dove le mettiamo? Qui (nella storia antica e recente), pare che chi ha reclamato "primi posti al sole" e si è voluto imporre sugli altri poveri mortali (con diritto di vita e di morte) lo faceva in virtù di presunti santi in paradiso, che garantivano assistenza e protezione. E tutte le scappatelle di Zeus e di Apollo non servivano per spiegare i figli illegittimi del talamo coniugale? Solo simili stratagemmi potevano far muovere intere popolazioni alla ricerca di qualche "terra promessa" (dal loro dio), fare guerra ad altre pacifiche popolazioni o accettare come prova divina una situazione molto delicata.  

E si ritorna sempre al punto di partenza ... di riconoscere al potere spirituale la molla migliore per unire uomini e tribù sotto un'unica bandiera.
Tornare in alto Andare in basso
Micol



Località : roma-centro

MessaggioOggetto: Re: Diamanti   Lun 20 Lug - 20:39

Caro Rom, e perchè il Lazio era triste?Che c'era la nebbia della pianura padana e di Francoforte? E poteva svilupparsi la piu' grande civiltà del passato in un territorio brullo e asfittico? C'erano fiumi,laghi e selve, ma che territorio asfittico, ma va'.
Roma si piazzò a 30 Km dal mare,-in modo da essere lontana da briganti e pirati della Malesia-su un fiume che serviva a trasportate le chiatte con derrate di ogni tipo, sorse sui sette colli- ve ne erano anche altri Velia , Fagutale, Germons penso distrutti per costruire strade, e in caso di grave pericolo su questi colli la popolazione si asserragliava, e anche in caso di lotte intestine, vediamo, in Monti, i palazzi dei Frangipane, dei Brancaccio, sempre in lotta fra loro.
La citta' degradava splendidamente a nord verso Talamone, il Giglio, il lago di Bracciano, di Bolsena, con l'isola Bisentina, dove si credeva vi fossero dei poteri misteriosi che facevano "vertere "il mondo. A sud la citta' si estendeva verso Sperlonga, Baia,Capri, Pompei, non vedo davvero questo Lazio aspro. In ogni modo se l'Eneide annoia- salvo i pochi versi celeberrimi e molli- allora si puo' tirare fuori dallo scaffale l'Iliade, dove l'estrema belligeranza degli eroi ci porterà presto alla catarsi desiderata.
Tornare in alto Andare in basso
Rom




MessaggioOggetto: Re: Diamanti   Lun 20 Lug - 21:02

Io preferisco di gran lunga l'Odissea, ma capisco che le immaginazioni adolescenziali per i Brad Pitt che facevano carneficine in riva di Scamandro siano più eccitanti.
Non mescoliamo gli aggettivi, cara Tessa: l'eroe era pio e triste, il Lazio aspro e non propriamente lussureggiante.
E poi, ci sarà pure una ragione per cui, anche in epoca imperiale, coloro  che potevano fuggivano dalla città per rifugiarsi nelle ville prenestine, capresi, e disseminate ovunque sui colli e sui confini della Campania felix.
Ancora oggi tutto l'Agro è tristissimo - benché quasi sommerso da capannoni e centri commercial, recinti e bandoni di lamiera, il peggio del peggio.
Il Lazio della fondazione era insomma il territorio lasciato relativamnte libero dagli Etruschi e dai greci, che si erano sistemati in luoghi più immadiatamnte ridenti.
Il fatto che ci sia stati insediamnti di comodità commerciale sul basso Tevere è un'illazione probabile, ma conferma l'identità utilitaristica, non quella estetica .
Ora cena, semmai a più tardi, truppa.

_________________
Storia diversa per gente normale, storia comune per gente speciale
Tornare in alto Andare in basso
Rom




MessaggioOggetto: Re: Diamanti   Lun 20 Lug - 22:10

... dicevamo.
Sono felice dell'entusiasmo della nostra Tessa per tutto ciò che riguarda Roma e i suoi dintorni: sono disposto anche io a mentire, per esaltarla e difenderla, o a cercare tutti i più riposti motivi per celebrarne bellezze e fasti.
Ma qui siamo tra noi, non serve esagerare.
L'Eneide, lo stesso suo eroe, il "colore" di tutto il poema è di estrema modernità come lo è tutta intera la storia della nostra città, anche e forse soprattutto del suo periodo repubblicano.
Si parva licet componere magnis, Enea sta ad Achille, come Vent'anni dopo di Dumas sta ai Tre Moschettieri: alla baldanza del giovane D'Artagna subentra la forza ironica della piena maturità, alla posatezza del giovane Athos subentra la classe di un aristocratico consapevole, e tutti i personaggi dismettono la brevitas sugegrita dall'incalzare degli eventi per assumere un rilievo più individuale, talvolta pensoso e problematico - come per l'Enea fuggiasco da una tragedia, anche i protagonisti dei Vent'anni dopo hanno dietro una storia, nostalgie, rimpianti e ricordi, mentre affrontano il loro presente.
Enea, e la storia della quale viene ipotizzato il fondatore remoto, quella di Roma, sono dimostrazione e teorema per cui dal sangue dei vinti può rinascere la gloria dei vincitori.

_________________
Storia diversa per gente normale, storia comune per gente speciale
Tornare in alto Andare in basso
Micol



Località : roma-centro

MessaggioOggetto: Re: Diamanti   Lun 20 Lug - 22:51

Caro Rom,
Cicerone stava a Tuscolo, nella sua villa, Orazio nei Monti Lucretili in un'altra villa, non poi cosi' lontani. E' vero, il Lazio è brullo, basta posizionarsi in quel punto che tutti conoscono, tra il lago di Nemi e il lago di Albano, per essere storditi dallo squallore, tutte le ville frascatane sono miliardarie e non solo villa Aldobrandino, Grazioli,Falconieri, Rufinella etc etc, ogni zona dei Castelli Romani ha prezzi proibitivi.
Ricordo che quando mi recavo a Lourdes vedevo sempre questi Pirenei aguzzi, a sega che mi mettevano un nodo nello stomaco, quando tornavo a Ciampino, rivedevo i miei monti che mi riconciliavano col creato.
Nei Pirenei potevo solo sentire l'Olifante del paladino Orlando, mi veniva freddo e me ne volevo tornare a casa, altro che i miei monti, Rom, vacci tu ad abitare sui Pirenei, a Barthes c'ha la villa pure Coelho, se riesci a sopportare lui e cio' che scrive.


Ultima modifica di tessa il Mar 21 Lug - 0:14, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Rom




MessaggioOggetto: Re: Diamanti   Lun 20 Lug - 23:47

Stai Karma, non mescolare l'immescolabile ... come tendi a fare sempre.
Quasi tremila anni fa, il clima era nettante più freddo, le foreste coprivano l'Italia e il resto d'Europa: i depliant della Tecnocasa non sono i manuali più adatti a capire l'Italia di allora occhi
Il verde rigoglioso, dove c'è, che oggi corrisponde al lusso, allora era la cosa più comune e fin troppo abbondante, una banalità.
Per secoli, per altro, i picchi scoscesi erano un pregio, che consentiva facile difesa da incursioni e saccheggi: oggi ci vengono i brividini, e in mezzo agli scarupi i cellulari non hanno campo.
Molte città, poi in giro per l'Europa e per l'Italia, sono sorte  come accampamnti militari, in base a calcoli strategici.
Il Lazio è una regione (oggi arriva fin sul crinale appenninico) molto bella, al centro di una penisola bellissima: ma un profugo non arriva in elicottero e si sceglie il posto, e allora andare a dare un'occhiata da Anzio a Grotteferrata significava due giorni di viaggio tra lupi e scarupi, con tribù di scapestrati che ti tiravano i sassi in testa, o ti affettavano il culo con qualche ferraccio: anche nell'ottocento papalino era ancora così, salvo i due giorni che erano uno, forse.
A questo punto, naturalmente, non so più perché ci siamo impuntati sul turismo laziale (che brutto aggettivo, brr).
Ma è estate, ci piace tutto - di notte.
 Like a Star @ heaven
Tornare in alto Andare in basso
Rom




MessaggioOggetto: Re: Diamanti   Mar 21 Lug - 15:29

... però, diciamolo, questo è proprio un bel 3D, per merito di tutti.
Data la belleza del titolo, proporrei di usarlo (magari numerandolo, Diamanti 1, 2 etc) per proporre citazioni o immagini, personaggi o qualunque cosa che ci sembri particormante preziosa, e che abbia lo stesso nitore intellettuale o estetico del post iniziale di questo 3D, proposto da Tessa - dopo di che, si sa, il dialogo prende tutte le vie più impreviste, come sempre.
Like a Star @ heaven
Tornare in alto Andare in basso
cardif




MessaggioOggetto: Re: Diamanti   Lun 27 Lug - 23:26

Ho letto, ma troppo velocemente. I 'riferimenti' del periodo precedente si fanno sempre così...

Comunque concordo: è un bel 4D (uno in più se lo merita)
Forse (forse, ho scritto...) riuscirò a studiarlo meglio
Spero che continui

cardif
Tornare in alto Andare in basso
Rom




MessaggioOggetto: Re: Diamanti   Mar 28 Lug - 9:10

Grazie Cardif, spero che la vacanza ti abbia ritemprato.
Come vedi, non siamo stati a pettinare le bambole.
Like a Star @ heaven

_________________
Storia diversa per gente normale, storia comune per gente speciale
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Diamanti   Mar 28 Lug - 10:02

cardif ha scritto:
Ho letto, ma troppo velocemente. I 'riferimenti' del periodo precedente si fanno sempre così...

Comunque concordo: è un bel 4D (uno in più se lo merita)

Finalmente!!
Ci dovresti, comunque, ringraziare per i salti tripli, carpiati, rovesciati, avvitati che ti abbiamo fatto risparmiare nella lettura del forum.   sghignazza
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Diamanti   Mer 5 Ago - 14:37

Notizie relative ad un altro "diamante con i fiocchi": "la notte della taranta" che si tiene da 18 anni a Melpignano, in provincia di Lecce, quest'anno è programmata per il 22 agosto dalle ore 19:00 alle ore 5.00 del 23. Sulla pagina ufficiale dell'evento ( https://www.facebook.com/pages/La-Notte-della-Taranta-pagina-ufficiale/111139718939801?sk=timeline&ref=page_internal ) c'è scritto  così: 

Vieni a ballare la pizzica! 
Festeggiamo i 18 anni de "La Notte della Taranta" il più grande Festival di musica popolare nato a Melpignano nel 1998. 
Con l'Orchestra Popolare e il Maestro Concertatore Phil Manzanera. Con gli ospiti internazionali. Con il corpo di ballo. Con voi! 
Un Concertone tutto da vivere dal tramonto del 22 agosto all'alba del 23...
Lasciati pizzicare dal ritmo e dalla passione del Salento! 
Ingresso gratuito!



Si può volere di più? 
Se qualcuno volesse presenziare l'evento me lo faccia sapere ... ci potremo incontrare a Melpignano (Salento), fino all'alba. 
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: Diamanti   Oggi a 0:55

Tornare in alto Andare in basso
 
Diamanti
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 3Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3
 Argomenti simili
-
» Lobby ebrea
» Il diamante brucia?
» si puo rompere un diamante?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
ES - Circolare Rossa :: Via Induno :: Cuori in poltrona-
Andare verso: