Salve Ospite. Ti trovi nel forum ES - Circolare Rossa. Buona navigazione.
 
PortalePortale  IndiceIndice  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Dom 3 Mag - 23:45

Gennarino, o netturbino –  Guarda, guarda, guarda Ronna Franceshca! Che surprisa sta matina. E che se l’ashpiettava sta furtuna. Ronna Franceshca, comme state?
Donna Francesca – Ginnarì so nervos pecchè o firanzato meie staie pe vennere a squatra nosta …
Gennarino – Oh Gisù, Gisummio … vole vennere o Napule, oh Gisummio a squatra ro ciuccio nu se tocca!
Francesca – C’avite capìt Ginnarì, a squatra nosta è chella ro fidanzato mio, nu a tuie, ca nun’mporta gniente a nisciuno.
Gennarino – Meno male, me stavo preoccupanne. Riciteme chi sa voie accattà a squatra vosta?
Francesca – Me pare ca so cinese, so. Mperò me pare ca so doie. O firanzato meie ttene no pere inta doie shcarpe pe guadagnà re cchiù. Che cereviello ca ttene.  
Gennarino – E o vvero Ronna Franceshca, o firanzato vuosto pote fa chelle che voie …
Francesca – Avite visto a faccia ca tiene o cinise? Na facciatosta, seria, no rire maie: tutt’o cuntrario da firanzato meio, ca rire siempre, ca pazzià co tutte, purzi ncopp’e ccose serie, anze chiù so serie e cose chiù rire …. Statemme buono Ginnari.
Gennarino – Avimme viruto signura  … avimme viruto buono ca o firanzato vosto vaca a mbrosà overamente a gente. Statemme buna Ronna Franceshca.
 
G – Guarda, guarda Donna Francesca! Che sorpresa questa mattina. E chi se lo aspettava questa fortuna. Donna Francesc come state?
F – gennarì sono nervosa perché il mio fidanzato sta per vendere la nostra squadra …
G – Oh Gesù, Gesù mio … vuole vendere il Napoli, oh Gesù mio la squadra del ciuccio non si tocca!
F – cosa avete capito Gennarì, la squadra nostra è quella del fidanzato mio non la tua, che non importa niente a nessuno.
G – Meno male, mi stavo preoccupando. Ditemi,  chi se la vuole comprare la squadra vostra?
F – Mi pare che sono cinesi. Però mi pare che sono due. Il fidanzato mio tiene un piede in 2 scarpe per guadagnare di più. Che cervello che ha.
G – è vero Donna Francesca, il fidanzato vostro può fare quello che vuole …
F – Avete visto la faccia che ha il cinese? Una faccia dura, seria, non ride mai: tutto il contrario del fidanzato mio, che ride sempre, che scherza con tutti, pure sulle cose serie, anzi, più le cose sono serie più ride … Statemi bene Gennarì.
G – Abbiamo visto signora … abbiamo visto bene che il fidanzato vostro imbroglia veramente la gente. Statemi bene Donna Francesca.
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Mar 5 Mag - 13:38

Ginnarì siente sta nutizia -  grida l’edicolante a Gennarino -  comme se n'o’sapevamo c’a lengua nosta è neverzale. Ccà ricene che for’e Napule pe te fà capì basta parlà chiano chiano o napulitano.
Gennarino – È ovvero o state pazzià?
Edicolante – Ccà è scritto o fatteriello ca nu napulitano è  ijut’int’o bar a Londra e à dumandà chiano chiano accussì:

             (n) - “i-i-e .. v-o-le-s-s-e … n-o ... c-a-f-è”
e chello rispundette chiano chiano:  “f-r-i-d-d-o … o … c-a-u-d-o…?
             (n) - “c-a-u-d-o”
             (c) - “lu-u-o-n-g-o … o … c-u-r-t-o?”
             (n) -  “… c-u-r-to …”
             (c) - “c-o …o …z-u-c-ca-r-o … o … s-i-e-n-z-a  … z-u-c-c-a-r-o?”
             (n) - “c-o .. o .. z-u-c-c-a-r-o”
 
o cafettiere staie no poco e ricette: “m-a … v-o-i-e … f-u-s-si-t- …’e … N-a-p-u-le ..... p-e … c-a-s-o … ?”
             (n) -  “S-ì … i-i-e … s-o-n-g … e … N-a-p-u-le - … --- … m-a … p-e-c-c-h-è? … p-e … c-a-so … f-u-s-si-t-’e … N-a-p-u-l-e … p-u-re … v-o-i-e …?”
             (c) -  “S-ì … p-u-re …i-i-e … s-o-n-g … e … N-a-p-u-l-e”
Inta chello mument' o cafettiere co o napulitano ricettere quase zieme: “ie allora co o palamme a'ffà sto  c.zo e ingrese!”

Gennarino – “anno fatt bene a parlà a lengua nosta ... anno fatto proprio bene”
Tornare in alto Andare in basso
cardif




MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Mar 5 Mag - 15:26

Ah, chest'er a barz'llett ro napulitan a Londr.

IIj saccj chest'at.

Annaz'o bar s' ferm na machin'
scenn nu carabbinier, e lass'a machin in mot
tras 'nto bar; o barist sta arret a machin ro caffè
o carabbinier ricj "nu cafè, e press"
o barist riscjponn "sta già nta machin"
o carabbinier risponn "allor mo vvac a piglià là" ......... e escj

(traduzione a domanda e per un bicchiere di birra)

cardiffe
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Mar 5 Mag - 16:40

cardif ha scritto:
(traduzione a domanda e per un bicchiere di birra)

Nu fusse ndispenzabile. 
Io a facci gratisse e voie pe no bicchiere e birra!!!
No m'aspettàv stà cosa ... aggio capite ca vi vulite mbriacà. 
Pe voie, mperò, faccio stò piacere ... Brinnamme ara salute e tutti.  birra


Non sarebbe indispensabile. Io la faccio gratis e voi per un bicchiere di birra!! Non mi aspettavo questo trattamento ... ho capito che vi volete ubriacare. Per voi, però, faccio questo piacere... Brindiamo alla salute di tutti.
Tornare in alto Andare in basso
cardif




MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Mer 6 Mag - 13:06

Iafran,
detto fra noi la traduzione a compenso l'ho chiesta perché il compenso è gratis, su questa Circolare allegro 
cardif
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Mer 6 Mag - 15:17

cardif ha scritto:
detto fra noi la traduzione a compenso l'ho chiesta perché il compenso è gratis, su questa Circolare allegro 

(io) Aiz’e mane … aggio sgarrato, cardiffe. Mò, tocc’a me mettere a cennere ncopp’a capo,  … accussì tu lava a me e io lava a  te. 

Alzo le mani ... ho sbagliato, cardif. Adesso, tocca a me mettere la cenere in testa ... così tu lavi a me ed io lavo a te.
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Gio 7 Mag - 11:08

Dare credibilità ad una religione fondata da uno che si chiama Joseph Smith è come voler comprare un'auto usata da Capezzone. (uno che passa)
Se persino un Papa ha sentenziato che San Gennaro non è mai esistito (Mago Merlino)
Salutami San Gennaro. Se li incontri, anche Batman e Babbo Natale (uno che passa
.   .   .   .
 
Nun pote resiste cchiù, me ne faccio scuorno, ma v’aggi’a dì a verità (a sape sule iafranne, fino a mò) … pure pe voie, ma supratutt pe San Ginnaro, ca o sape già e m’à perdunà.
Inta sta piazza, na vota, ce stiano doie cristiani, cu cazone nire e camisa ianca, ca parlavano re Gioseppe Smitte e ro no libro e nu cierto Murmone. Io stavo giovane e cì andatte inta n’appartamento, ca iera a chiesia e sti guaglione. Inta ce stave na signura bionda, ca sonava o pianoforte e ca cantave e doppo avimme cuminciato a priegà. 
Io ce jia pe n’annu intiero, forse pure e cchiù, e mi dicettero cierte pruibiziune: nu avi piglià droga, nu avì re fumare, nu avì piglià arcolici e nianche tè niuro. Pe me no iera nu prublema, pecchè no biveva, no fumavo, a droga nu sapevo che cosa fusse, comme pure o tè niuro. Roppo cchiù re n’anno m’aggio stancà e aggio romandato scuza a San Ginnaro, inta a chiesia suia. O riavolo tentatore non m’è fatto accattà doie bottiglie de birra ra tre quarti???  Io ca nu bevo niente, chella nuttata m’aggio scetato pe vevere e doie bottiglie de birra … (doppo nient’autro cchiù)!  Roppe aggio purtato na cannela aro santo meio pe n’anno intiero. Mò, inta piazza, e veco autre cristiani cu e cazone nire e camisa ianca ca donnane vulantini, ma io non aggio chiù interesse … no pote votà a faccia ancura a San Ginnaro!

Non posso resistere più, me ne vergogno, ma vi devo dire la verità (la sa solo iafran, finora) … anche per voi ma soprattutto per San Gennaro, che già lo sa e mi ha perdonato. In questa piazza, una volta ci stavano 2 uomini, con pantaloni neri e camicia bianca, che parlavano di Giuseppe Smith e di un libro di un certo Mormon. Io ero giovane e andai in un appartamento, che era la chiesa di questi giovanotti. Dentro c’era una signora bionda che suonava il pinoforte e che cantava; dopo abbiamo cominciato a pregare. Io ci andai per un anno intero, forse pure di più, e mi dissero certe proibizioni: non devi prendere droga, non devi fumare, non devi bere alcolici e neanche tè nero. Per me non era un problema, perché non bevevo, non fumavo, la droga non sapevo che fosse, come pure il tè nero. Dopo più di un anno mi sono stancato ed ho chiesto scusa a S. Gennaro, nella sua chiesa. Il diavolo tentatore non mi ha fatto comprare 2 bottiglie di birra da ¾?!! Io che non bevo niente, quella notte mi sono svegliato per bere le 2 bottiglie di birrra … (dopo nient’altro più)! Dopo ho portato una candela al mio santo per un anno intero. Adesso, in questa piazza, li vedi altri uomini con pantaloni neri e camicia bianca che porgono volantini, ma io non ho più interesse … non posso tradire ancora S. Gennaro.
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Ven 8 Mag - 10:13

Ginnarì, avite visto? … chellollà  vole fà n’ato partito – riferisce Pasquale, l’edicolante, a Gennarino.
Gennarino, avete visto? Quello là vuole fare un altro partito.

Gennarino – Se vere che è proprio in forma. È comme o vino, ca più passà u ttiempo e chiù è buono.
Si vede che è proprio in forma. È come il vino, che più invecchia e più migliora

P. -  Avite fatto nu biello paragone co  o vino,  a bevanda liquida. Mò vanne e moda “i partiti liquidi”.
Avete fatto un bel paragone con il vino, una bevanda liquida. Adesso vanno di moda “i partiti liquidi”

G. – Ma che vole dicere st’espressiune: “partiti liquidi”? Pe caso ca s’adattano a ogni ccosa …?
Ma che vuole dire quest’espressione: partiti liquidi? Che, per caso, si adattano ad ogni cosa …?

P. – Gennarì ragiunate: pecchè cagna ogni poco nome o partito soio?
ragionate Gennarino: perché cambia ogni poco nome al suo partito?

G. -  Overamente no saccio spiegà pecchè o ffà. Ma stete zitto ca veco arrivà donna Francesca. Bona giornata signò, simm’è pressa stamatina?
veramente non so spiegare il perché. Ma zittite perchè vedo arrivare Donna Francesca. Buona giornata signora, andiamo di fretta stamattina?

Donna Francesca – Buon giorno pure a voie. Si,  vaca e fretta pecchè amma sbrigà ati consultaziune pe fà nu novo partito. O viecchio s’arrivelà chieno e serpiente come e pariente chiù stritte, prunte a te mozzicà appena e lasci libberi. Ce vono ggente biella, alliegra ma senza nisciuni grille p’a capa, autramente o fidanzato meio no pote commandà comme voie isso. Stateme buoni. Ne virimme.
Buon giorno pure a voi. Si, vado di fretta perché dobbiamo sbrigare altre consultazioni per fare un nuovo partito.  Il vecchio si è rivelato pieno di serpenti come i parenti più stretti, pronti a morderti appena li lasci liberi. Ci vuole gente bella, allegra ma senza nessun grillo per la testa, altrimenti il mio fidanzato non può comandare come vuole lui. Statemi bene. A presto

P. – Ginnarì … cheste se chiama o “partito liquido” … quando nu te fanno cummandà  cchiu ne faci n’autro!
Gennarino …questo si chiama “partito liquido” … quando non ti fanno più comandare ne fai un altro!

G. – Chiello biello giuvanotto mmece no facette o partito soio …  Quel bel giovanotto, invece non ha fatto un partito suo

P. - Chiello biello giuvanotto s’a cumportà comme chell’aciello ca mette l’ova soia inta o nido de auti aucielle pe se fa allevà i figli soie.  
Quel bel giovanotto si è comportato come quell’uccello che mette le uova nel nido degli altri uccelli per farsi allevare i suoi figli
Tornare in alto Andare in basso
cardif




MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Ven 8 Mag - 12:51

definizioni di Partito Liquido (PL). Ho consultato questi due vocabolari.

Tregatti:

Dicesi 'Partito liquido' quella associazione di tipo padronale nella quale il Capo può 'liquidare' chi vuole. A volte l'operazione viene anche definita: 'messa alla porta', 'rottamazione', 'asfaltatura'.
 In tal modo il P.l. diventa più omogeneo, più compatto, più tendente al Pensiero unico: quello del Capo. L'effetto è che i cittadini che rifiutano il pensiero unico si dimettono da elettori.

Garzotti:


Dicesi 'Partito liquido' quello che tende alla liquefazione della propria identità, e quindi al più facile mescolamento con l'identità di altri partiti, soprattutto avversari diretti, in modo da ottenere una miscela indigeribile. L'effetto è che i cittadini che non trovano l'identità partitica si dimettono da elettori.

cardif
Aggiungo
Ho trovato quest'altra definizione.

Zannichesti:

Dicesi 'Partito liquido' quello guidato da un leader col carattere decisionista che, finché è vincente, attira verso di sé buona parte del partito stesso, come il miele attira gli orsi. Qualora divesse perdere se la squaglierebbe, non essendo capace per carattere di sostenere il ruolo di oppositore. In tal modo porta l'intero partito alla liquidazione.
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Ven 8 Mag - 14:44

cardif ha scritto:
definizioni di Partito Liquido (PL). Ho consultato questi due vocabolari.

Ta ringrazio cardiffe, sei no vero amico. M'aggia accattà no vocabuliario da cheste ca m'ài elencato  caffe
Ti ringrazio cardif, sei un vero amico. Mi devo comprare un vocabolario fra questi che mi hai elencato
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Sab 9 Mag - 11:18

In Piazza Plebiscito, stamattina, la solita signora, soddisfatta e sfottente si fa sentire dagli immancabili interlocutori.

Donna Francesca: -  V’aggio ritto ca o fidanzato meo era meglior’e Napulione? Voie non m’avite creduto … ma mò  avit’a credè. Face no nuovo partito sienza ommo cu i grilli pe la capo e sienza professoruni.  Isso è (comme se rice chella parulona) matepsicosia (no, non è chella) …, matasicomatia (nemmene chesta è), ecco …  isso è la me-tem-psi-co-si re Napulione. Ò sapete che vole dicere me-tem-psi-co-si re Napulione? Pascà ricencelle tu a Ginnarino. Iamma Pascà!
Vi ho detto che il mio fidanzato era meglio di Napoleone? Voi non mi avete creduto … adesso, però, mi dovete credere. Fa un nuovo partito senza uomini con i grilli per la testa e senza professoroni. Egli è (come si dice quella parolona) matepsicosia (no, non è quella) …, matasicomatia (nemmene questa è), ecco …  egli è la me-tem-psi-co-si di Napoleone. Lo sapete che vuole dire me-tem-psi-co-si di Napoleone? Pasquale diglielo tu a Gennarino. Dai, Pasquale!
 
PasqualeSignò ca avite ritto? Mete..sa..pia? Ma doie è truvate ste parolune?
Signora, che avete detto? Mete..sa..pia? Ma dove le trovate queste parolone?
 
D. F.Rimudernate Pascà! Comme se vire ca site gnuranti, ca nu spessiate gente mportante, ca nu girate o mundo. Cumprati nu biello libro e lieggilo.
Ammodernati Pasquale! Come si vede che siete ignoranti, che non frequentate gente importante, che non girate il mondo. Comprati un bel libro e leggilo.
 
PDonna Francesca, vi voca a'ddà sta soddisfaziune … volisse lieggere ovieramente o diziunario taliano pe me documentà, mò veco com’aggià ffà. Gennarì tienete pronto ca rimane te rico o significato (inta nu modo o inta n’auto) de mieta-psi-co.. (m’aggio già scurdato) m'avete capite ... de chella paroluna llà.   
Donna Francesca, vi voglio dare questa soddisfazione … vorrei leggerlo veramente il dizionario italiano per documentarmi, adesso vedo come devo fare. Gennarino tieniti pronto che domani ti dico il significato (in un modo o nell’altro) di mieta-psi-co… (mi sono già scordato), mi avete capito ... di quella parolona.

Gennarino - C'aggia fà? Pascà, io aspietto a spiegaziune toia ... se me la voie favorì. 
Che debbo fare? Pasquale, io aspetto la tua spiegazione ... se me la vuoi dire.
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Dom 10 Mag - 17:28

Maronna mia. È riturnata troppo priesto, a signura. Mò se n’ere jta e mò sta di nuovo accà - esclama Gennarino all’edicolante, e si rivolge alla solita signora - È  successo quaccosa Donna Francesca ?
Madonna mia. È ritornata troppo presto. Adesso era andata via e adesso è di nuoco qua – È successo qualcosa D. Francesca?
 
D. Francesca: - Ginnarì state zitto … site no bello jettatore ... avevate appena fornuto de dicere “Se vere che è proprio in forma. È comme o vino, ca più passà u ttiempo e chiù è buono” ca o fidanzato meio stave cadè do palco ro comizio.
Gennarino state zitto … siete un bello iettatore … avevate appena finito di dire “Si vede che è proprio in forma. È come il vino, che più passa il tempo e più migliora” che il mio fidanzato stava per cadere dal palco di un comizio
 
G.: - Donna Francesca, io nu voleva, m'a'te crede … song stato in bona fede, me fa piacere vedè ca o fidanzato vuosto stà in bona salute …
Donna Francesca, io non volevo, mi dovete credere … sono stato in buona fede, mi fa piacere vedere che il fidanzato vostro gode buona salute …
 
D. F. – Ammutatevi … mosca. No ricete chiù niente … ca comme parlate succere quaccosa.
Ammutolitevi … State zitto. Non dite più niente … perché come parlate succede qualcosa
 
G.: - Signò ma vieramente cridete ca io volisse o male re quaccuno?
Signora, credete veramente che io vorrei il male di qualcuno?
 
D. F. – Ginnarì, voi forse no poco, ma no comme l’ata gente, comme i nemmici politici … ca song capaci de ricorrere a tutt’e vie pe mpedì a vulontà de o fidanzato meio … pure are fatture, are malediziune. M’aggio accattà o’ scartellat, o corno, o fierro e cavallo, na nzerta d’aglio pe pruteggere o fidanzato meio e aggia a dì siempre “Aglie, fravaglie e fattura ca nun quaglie, ‘uocchie, maluocchie e frutticiell rind’ all’uocchie, corna, bicorna e la sfortuna nun ritorna, sciò sciò, ciucciuè!!!”.
Gennarino, voi forse un poco, ma non come l’altra gente, come i nemici politici … che sono capaci di ricorrere a tutti i mezzi per ostacolare la volontà del mio fidanzato … pure alle fatture, alle maledizioni. Ho comprato il gobbo, il corno, il ferro di cavallo, unba treccia d’aglio per proteggere il mio fidanzato e devo dire “Aglie, fravaglie e fattura ca nun quaglie, ‘uocchie, maluocchie e frutticiell rind’ all’uocchie, corna, bicorna e la sfortuna nun ritorna, sciò sciò, ciucciuè!!!”
 
Pasquale, l’edicolante: - Signò vaggia a dicere ca muglierma quanno s’accumprà no i miezotacchi ma a scarpetella co i tacchi auti rudece centimetre  è cadute proprio inta sta piazza …
Signora vi devo dire che mia moglie quando si è comprata non i mezzotacchi ma le scarpette con i tacchi alti 12 cm è caduta proprio in questa piazza ….
 
D. F.: - Che volete dicere Pascà? Ca o fidanzato meio tene i tacchi de rudece centimetri sott’e scarpe? State pazzianno, pe caso? O fidanzato meio sape sta bene ncoppa ogge situaziune …
Che volete dire, Pasquale? Che il mio fidanzato tiene tacchi di 12 cm sotto le scarpe? State scherzando, per caso? Il mio fidanzato sa stare bene in ogni situazione …
 
G. : - Donna Francesca lassàte stà Pascale … isso è mmedioso e no sape che dicere. Pe ‘i contra a jettatura facit’e corna (voie ‘o sapete comme) e fate cosere no piccolo fazzoletto co tutt’e cose cuntra o malocchio e pure co no poco e sale e na fiurella di San Ginnaro.
D. Francesca lasciate stare Pasquale … egli e invidioso e non sa che dire. Per andare contro la iettatura fate le corna (voi sapete come) e fate cucire un piccolo fazzoletto con tutte le cose contro il malocchio e pure con un poco di sale e un santino di S. Gennaro
 
D. F.: - Ve ringrazio Gennarì no c’avevo pensato alla fiurella di San Ginnaro. Avite ragiune … voie site n’amico overo. Mò faccio comm’avete ritto! Statemi buoni tutt’e doie.  A te, Pascà, tiè!
Vi ringrazio Gennarino, non ci avevo pensato al santino di S. Gennaro. Avete ragione … voi siete un amico vero. Adesso farò come avete detto! Statemi bene tutt’e due. Per te Pasquale … tiè!
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Ven 22 Mag - 13:43

Pronto, pronto! Chi parla? – risponde al telefono Pasquale, l`edicolante di Piazza del Plebiscito - Ah,  si tu Ginnari ... stai a Milano? E che ci fai a Milano?
Pronto, pronto! Chi parla? Ah sei tu Gennarino ... stai a Milano? E che ci fai a Milano?

“Song stato in Girmania, a truva` figlioma e me song fermato a Milano - risponde Gennarino  – e aggio ito aro cumizio de  o fidanzatu de Donna Francesca “
Sono stato in Germania, a trovare mio figlio e mi sono fermato a Milano e sono andato al comizio del fidanzato di Donna Francesca.


P. – “ Ha ritto ccose bbone o fidanzato soie?”
Ha detto cose buone il fidanzato suo?
 
G. – “Comme no! Isso rice siempre ccose bbone ... pe isso. Ha ritto ca cuntinua a fa politica pe sienso di respunsabilita”
Come no! Egli dice sempre cose buone per se stesso. Ha detto che continua a fare politica per senso di responsabilita’”
 
P. – “Se vire ca se siente comme Napuleune, ca nu pote lassare a naziuna nosta alli mani di ate persone!”
Si vede che si sente come Napoleone, che non pu; lasciare la nostra nazione nelle mani di altre persone
 
G. – “Doppo, ’aggio ascultato da la televisiuna ca riceva ca a faceva guidare da n’erede soie. Io n’aggio capito niente e aggio dumandato a Donna Francesca che voria ricere co st’erede. Pasca’,  no poi immagina’ che me rispondette!”
Poi,l’ho ascoltato in televisione che diceva che la faceva guidare da un suo erede. Io non ho capito niente ed ho domandato a D. Francesca, che  voleva dire con questo erede. Pasquale, non puoi immaginare cosa mi rispose!”
 
P. – “Rice Ginnari’, non me faci aspetta’, che te rispondette a signura?”
Dimmi Gennarino, non farmi aspettare, cosa ti rispose la signora?
 
G. – “Me ricette ca l’intenziune re avire ncono figlio c’annu siempre avuta e ... non se sape mai che intra sto periodo fusse state a vorta bona? E figli so piezze e core e che sia issa ca o fidanzato soie tieninne core grande e ca si truvavano in condiziune de avere cchiu de no figlio, ca o padriterne vire e provvire. Hai capito mo’ Pascali’? ... a signura voca ave’ no figlio!”
Mi ha detto che l‘intenzione di avere qualche figlio l’hanno sempre avuta e ... non si sa mai che in questo periodo sia la volta buona? I figli sono pezzi di cuore e che sia lei che il suo fidanzato tengono un cuore grande e che si trovano nelle condizioni di avere pi\ di un figlio, che il padreterno vede e provvede. Hai capito adesso, Pasqualino? ... la signora vuole avere un figlio!
 
P. – “A signura pienza proprio bene ... cu la scusa de l’Italia pienza pe issa, e poi no figlio do fidanzato soie face nutizia, face simpatia ncoppa li elittori. Statemme buono Gennari’.  
La signora pensa proprio bene ... con la scusa dell'talia pensa a lei stessa, e poi un figlio del suo fidanzato fa notizia, fa simpatia negli elettori. Vi saluto, Gennarino.
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Lun 15 Giu - 10:34

"N'ai fatto passà iurnate da quanno si jite in Girmania, Gennarì" – irrompe Pasquale, l'edicolante, alla vista di Gennarino – "Nun c'a facevo cchiu a stà inta sta piazza, sienza e vuie. N'aggio visto nianche Donna Francesca" (Ne hai fatto passare giornate da quando sei andato in Germania, Gennarì. Non ce la facevo più a stare in questa piazza senza di voi)

Gennarino: "O saccio ca sienza l'amici nun se po' stà, Pascà! È success quarcosa into sto tiempo ca songo stato afora?" (Lo so che senza amici non si può stare, Pasquale! È successo qualcosa durante questa mia mancanza?)

P. : "Ammo cangiato o guvernatore nuosto. Mò, è Vicienzo, 'o saliernitano, c'avisse re governà ... s'a legge c'o permiette ..." (Abbiamo cambiato il nostro Governatore. Adesso è Vincenzo, il salernitano, che dovrebbe governare ... se la legge glielo permette ...)

"C'o permiette, Pascà, c'ò permiette", proferisce Donna Francesca scendendo dall'auto parcheggiata. (Glielo permette, Pasquale, glielo permette)
 
G. - "Buonavenuta Donna Francesca, da quanto tiempo nu ascultavamo a voce vosta. A vuie, v'avisse de dispiacere ca a regiuna nosta a cumannna one do piddi, o me sbaglio?"
(Benvenuta D. Francesca, da quanto tempo non ascoltavamo la vostra voce. A voi vi dovrebbe dispiacere che la nostra regione la comanda uno del piddi, o mi sbaglio?)

D. F.: "Site sicuro ca commanna one du piddì, Gennarì? Site proprio sicure? O fidanzato meo avisse perduto, allora? Nun vi site accuorta ca chelle do vero piddì so rimasti ntossicati pe comme so jite ‘e leziune ... e so’ rimaste co no parme e naso? Se i nimici do fidanzato meo so afora ... chelle ca comandano chi sono Pascà?"
(Siete sicuro che la comanda uno del piddi, Gennarì? Siete proprio sicuro? Il mio fidanzato, allora, avrebbe perduto? Non vi siete accorto che quelli del piddì sono rimasti “intossicati” per come sono andate le elezioni … e sono rimasti con un palmo di naso? Se i nemici del fidanzato mio sono fuori … quelli che comandano chi sono, Pasquale?)

P. : "Avite ragiune Donna Francesca ..." (Avete ragione, D. Francesca …)

G. : "Onne cagniato niente. Cummandano siempre 'i stiesse ... cangiano 'e nome ma e persune songo siempre 'e stesse. Stateme bona Donna Francesca" (Non è cambiato niente. Comandano sempre gli stessi … cambiano i nomi ma le persone sono sempre le stesse. Statemi bene D. Francesca)

D. F.: "Statemme bene pure voie, ca state comincianno a capì come stanno 'e ccose".  (Statemi bene pure voi, che incominciate a capire come vanno le cose
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Ven 19 Giu - 10:48

Pasquale, l’edicolante - “Gennarì, sienti siente sta nutizia: Campania, De Luca proclamato presidente. M5S, Sel e Fi: “Sia sospeso”.  Vincenzo De Luca è stato proclamato ufficialmente presidente della Regione Campania. L’ex sindaco di Salerno, condannato in primo grado per abuso d’ufficio, ora rientra nei casi previsti dalla legge Severino per la sospensione dalla carica con la peculiarità rispetto ad altre situazioni di essere stato eletto nonostante fosse già nella condizione per non assumere il ruolo. I delegati dei candidati presidenti alla Regione Campania, Valeria Ciarambino per il Movimento Cinque Stelle e Salvatore Vozza per Sinistra al lavoro, hanno presentato una “annotazione al verbale di proclamazione”. Un atto, presentato al verbale redatto dall’Ufficio elettorale regionale della Corte d’Appello, per sostenere che “la sospensione avviene in maniera automatica” e che “qualsiasi atto a sua firma è nullo”. Anche Forza Italia chiede al presidente del Consiglio di intervenire: “Non prendere in giro gli italiani”, ha detto il capogruppo alla Camera Renato Brunetta rivolgendosi direttamente a Matteo Renzi, “anche tu rischi di commettere un reato. Se a proclamazione avvenuta qualcuno, e mi riferisco al presidente del Consiglio, dovesse ritardare la sospensione commetterebbe il reato di abuso di ufficio”. (Gennarino, ascolta ascolta questa notizia:)

Gennarino: “Pascà ma è ovvero? Avea ragiuna a signura Franceshca ca c’o permiettono. Donna Franeshca vere proprio bene!”  (Pasquale, ma è vero? Aveva ragione la signora Francesca che ce lo permettono. D. Francesca vede proprio bene!)

P.: “Donna Franceshca vere ‘e cose meglje re tutti, sta ncoppa no posto privilegiato ... e pote fa chiovere e scampà a suie piacimento” (D. Francesca vede le cose meglio di tutti, sta in un posto privilegiato ... e può fare piovere e scampare a suo piacimento)

G. : “Pascà tu pienze c’avimmo spiranza re stare mieglio a Napule?” (Pasquale, pensi che abbiamo speranza di stare meglio a Napoli?)

P.: “Comme no, Gennarì!!! A Napule, int'a regiuna nosta e in tutt’Italia largo ai giovani … i viecchi anno fatt’a vita loro e so cuntiente di comme vanno e cose … con chelle ca verano int’a televisiune, ca cumannano e ca fanno chello ca vuonno  … mieglie e mò non ci simmi mai state. Gennarì, ammo a priegà solo a San Gennaru pe avire salute e spieranze ... a nuie chisse ca comannano nu ci pienzano proprio!” (Come no, Gennarino!!! A Napoli, nella nostra regione ed in tutt'Italia largo ai giovani ... i vecchi hanno fatto la loro vita e sono contenti di come vanno le cose ... con quelli che vedono in televisione, che comandano e che fanno quello che vogliono ... meglio di adesso non ci siamo mai stati. Gennarino, dobbiamo pregare solo S. Gennaro per avere salute e speranze ... a noi questi che comandano non ci pensano proprio!)

G.: “O maronna, maronna do Carmine ca ma ritto mò Pascà! Allura vago a portà mò na cannela a S. Ginnaro … non si sape mai ca avisse bisuogno re no ricovero spitaliero. Ne virimmo Pascà.” (Oh Madonna, Madonna del Carmine che mi hai detto adesso, Pasquale! Allora, vado a portare adesso una candela a S. Gennaro ... non si sa mai che avessi bisogno di un ricovero ospedaliero. Ci vediamo Pasquale.)
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Sab 20 Giu - 15:21

Gennarino – “Pascà, è o vero ca Obama avisse ritte "Dobbiamo essere chiari: questi fatti in altri Paesi avanzati non succedono"?” (Pasquale, è vero che Obama abbia detto ...)

Pasquale – “Ginnarì, Obama s’e referuto alla spartoria inta na chiesia, ca a acciso novi  persune ca ascutavano a messa. Obama nu si vo mpiccià ncopp’e cose d’Italia …pe isso n’anno nteresse!” (Gennaro, Obama si è riferito alla sparatoria dentro una chiesa, che ha ucciso 9 persone che ascoltavano la messa. Obama non si vuole intromettere nelle cose dell'Italia ... per lui non hanno interesse)

G. – “Na naziune cussì mportante comme l’Italia, nu are valure pe Obama?” (Una nazione così importante come l'Italia, non ha valore per Obama?)

P. – “Gennarì, fora do paise nuosto no ci canuscia nisciuno e cierti si scuornano e ricere ca su taliani! Solo Crozza o pote considerà e face  chella biella trasmissiune ncoppa o paise re meraviglie. Tu, to veghe sto’ programma? Io tutt’e semmane.” (Gennarino, fuori dal nostro paese non ci conosce nessuno e certi si vergognano di dire che sono Italiani! Solo Crozza lo può considerare e fa quella bella trasmissione sopra il paese delle meraviglie. Tu te lo vedi questo programma? Io, tutte le settimane.)

G. – “Mò aggio capito o nome ra trasmissiune. Crozza è furtunato c’ancura sa meraviglia. Uno come isso sa doveva sulo scoccià di come vanno e ccose” (Adesso ho capito il nome della trasmissione. Crozza è fortunato che ancora si meraviglia. Uno come lui si doveva scocciare di come vanno le cose

P. – “Isso addà fa a trasmissione, add’à campà e … si meraviglia re cose ca succiedono in Italia. Mperò fa rirere. Nu è ovvero Gennarì?” (Egli deve fare una trasmissione, deve campare e ... si meraviglia delle cose che succedono in Italia. Però fa ridere. Non è vero Gennarino?

G. – “E rirere face rirere … ma noie avvisseme a chiagnere pe e ccose storte ca virimmo. Mò pure a chiesia s'è misa a mbroglià!” (Di ridere fa ridere ... ma noi dovremmo piangere per le cose storte che vediamo. Adesso pure la chiesa si è messa ad imbrogliare)

P. – “Mò, s’evvenuto a sapè. Ma è mieglio ca sto tasto n’o toccamo proprio, autremente pierdimma a fede. Facimmo finta ca non sapemme gniente, ca è mieglio!” (Adesso si è venuto a sapere. Ma è meglio che questo tasto non lo tocchiamo proprio, altrimenti perdiamo la fede. Facciamo finta che non sappiamo niente, che è meglio!)

G. – “Avite ragione Pascà … no sapimme gniente, pe amore e San Ginnaro” (Avete ragione Pasquale, non sappiamo niente, per amore di S. Gennaro)
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Gio 25 Giu - 0:06



Gennarino – “E chesti avissino iessere ministri ra trasparienza?” (E questi dovrebbero essere i ministri della trasparenza?)

Pasquale – “Gennarì, chisse si guardano e spalle sulamente, sinnò i nemmici li fottono” (Gennarino, questi si guardano le spalle soltanto, altrimenti sono alla mercè dei nemici politici)

G. – “E ministri avissino a parlà chiare ari citatini, primma ancora e se guardà re nemmici puliteci” (I ministri dovrebbero parlare chiaro ai cittadini, prima ancora di guardarsi dai nemici politici)

P. – “E citatini … e nemmici puliteci … Ginnarì chista ere a mossa re chi vole sule mbrosà a ggente … m’aggio spiegà mieglio?” (I cittadini … i nemici politici … Gennarino,  questo è l’atteggiamento di chi vuole solo imbrogliare la gente. Mi devo spiegare meglio?)

G. – “No, no, pe carità. Mo’ aggio capito” (No, no per carità. Adesso ho capito)
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Sab 27 Giu - 20:06

Riferimenti giornalistici:
- Spese pazze Calabria, chiesto arresto per senatore Ncd. Domiciliari per assessore che fu denunciato per voto di scambio
- Violenza su una suora, Padre Fedele assolto nel secondo processo d’appello
.  .  .  .  .  .  .

Pasquale: - “Gennarì ma che combinano a sta regiune Calabria, a regiune da mogliera tua?” (Gennarino, ma cosa combinano a questa regione Calabria, la regione di tua moglie?)
 
Gennarino: “E vi volite meraviglià, Pascà? Cheste ccose so’ chelle ca si so’ scupierte, so’ chelle ca nu potevano no scoprì, so’ e minuzzaglia. A roba pisante no si scopra mmai. È da na vita ca sti ccose si sanno e ca a gente suppuorta. E scandali int’a Sicilia se so scupierte pecchè o ponte s’à nturciglià, autremente nisciuno du guvierno c’avisse fatto caso. Accussì ere pe a regiune Calabria, accussì ere pe la nostra, o pinzate ca noi stamme mieglie?”. (E vi volete meravigliare, Pasquale? Queste cose sono quelle che si sono scoperte, sono quelle che non potevano non scoprire, sono la minutaglia. La roba pesantenon si scopre mai. È da una vita che si sanno queste cose e che la gente sopporta. Gli scandali in Sicilia si sono scoperti perché il ponte si è attorcigliato, altrimenti nessuno del governo ci avrebbe fatto caso. Così è per la regione Calabria, così è per la nostra, o pensate che noi stiamo meglio?”)
 
P.: “O’ saccio ca noi stamme come a regiune Calabria! Ma i calabrisi che pienzano?” (Lo so che noi stiamo come la regione Calabria! Ma i calabresi che pensano?)
 
G.: “E che vonno pensà? Stannu citto … Ponno servì e parole? A gente s’affida a quarche santo, a chello che comanna … se è chello c’a votato, autramente suppuorta tutt’e ccose.” (E che vogliono pensare? Stanno zitti … Possono servire le parole? La gente si affida a qualche santo, a quello che comanda … se è quello che ha votato, altrimenti sopporta tutte le cose)
 
P.: “Aggio sintite ca o monaco re Cusenza, o sportivo, è statu assolto re viulenza sissuale. M’apparuto na brava persuna, assennato …” (Ho sentito che il monaco di Cosenza, lo sportivo, è stato assolto di violenza sessuale. Mi è sembrato una brava persona, assennata …)
 
G.: “Chello monaco o canosco bbuono. È nnuciente fino a pruova contraria, proprio comme o fidanzato e Donna Francesca. E ccose songo come apparano. Pe tutt’e doie contano e voti: pe o fidanzato e D. Francesca e voti ca cuoglie are alezzione puliteche; pe o monaco e voti ca a prumise a Giesùcristu. E persono e i giudici ann’a crede a chello ca o fidanzato e patre Fidele riciano.” (Quel monaco lo conosco bene. È innocente fino a prova contraria, proprio come il fidanzato di Donna Francesca. Le cose sono come appaiono. Per tutt’e due contano i voti: per il fidanzato di D. Francesca i voti che raccoglie alle elezioni politiche; per il monaco i voti che ha promesso a Gesùcristo. Le persone ed i giudici debbono credere a ciò che il fidanzato e patre Fidele dicono)
 
P.: “Pe te, allora, so culpevoli?” (Per te, allora, sono colpevoli?)
G.: “Io no cunto, Pascà. Pe me cuntano e settenzie ro tribunale. Sulo Dio sape come stanno e ccose.” (Io non conto, Pasquale. Per me contano le sentenze del tribunale. Solo Dio sa come stanno le cose)    
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Mar 30 Giu - 15:39

(dal precedente)

Pasquale, l’dicolante: “Gennarì, veramente o canosce buono chello monaco? Vole perdunà a tutte chelle persone ca n’anno ritte male, forse pure ara monaca ca l’ave denunzià. Adda iessere, veramente nu sant’ommo patr’e Fitele!” (Gennarino, veramente conosci bene quel monaco? Vuole perdonare a tutte  le persone che l’hanno calunniato, forse pure la monaca che lo aveva denunziato. Deve essere, veramente un sant’uomo patr’Fitele!)

Gennarino: “O canosco da o 1971, quanno dicev’a messa inta na chiesicella re na fraziune re Acri, ddove avea furmato na squatra di calcio. Cuanno è divenuto o patre ginerale do commento re cappuccini, pe aggiustà a chiesia ro biato Angelo a purtato, co na cinquantina di pillegrini, a statua ro biato a nuova Iorca, per recogliere sordi.” (Lo conosco dal 1972, quando diceva messa in una chiesetta di una frazione di Acri, dove aveva formato una squadra di calcio. Quando è diventato padre generale del convento dei cappuccini, per aggiustare la chiesa del beato Angelo ha portato, con una cinquantina di fedeli, la statua del beato a Nuova York, per raccogliere fondi)

P.: “To riceva io ca o monaco e 'na persuna bona” (te lo avevo detto che il monaco è una brava persona)

G.: “Pascà, o monaco non se pierde d’animo. Vole essere siempre spicciativo aro centro d’attenziune. A Cusenza a dato aiuto e a sfamato tante persune. O ccanoscevano mieglio do papa, tanto ca a fatto pure o presidente ra squadra do Cusenza. Voleva fare bene e ricogliva sordi pe i poveri e pe na missione re cappuccini inta l’Africa. L’anno arrubbà e pure curtelliato.” (Pasquale, il monaco non si perde d’animo. Vuole essere sempre sbrigativo e al centro dell’attenzione. A Cosenza ha dato aiuto e sfamato tante persone. Lo conoscevano meglio del papa, tanto che ha fatto pure il presidente della squadra del Cosenza. Voleva fare bene e raccoglieva soldi per i poveri e per una missione dei cappuccini in Africa. Lo hanno derubato e pure accoltellato)

P.: “Aggio saputo ca faceva opere di carità e di redenziune. A spessiato e confessato na biella femmina pe le fare cagnà vita, me pare!” (Ho saputo che faceva opere di carità e di redenzione. Ha frequentato e confessato una bella donna per farle cambiare vita, mi pare!)

G.: “È ovvero, Pascà. O monaco era benvoluto ra tutti, ommini e femmene” (E’ vero, Pasquale. Il monaco era benvoluto da tutti, uomini e donne)

P.: “Co e femmene, però, era n’atra cosa, nu è ovvero, Gennarì?” (Con le donne, però, era un’altra cosa, non è vero G.)

G.: “Pascà, a carne è carne. O monaco riceva a tutti ca era no grande piccatore …” (Pasquale, la carne è carne. Il monaco diceva a tutti che era un grande peccatore …)

P.: “Aggio viruto o monaco ‘ncoppa na carruzella ca salutava tutti comme no grannu persunaggio” (Ho visto il monaco su una carrozzella che salutava tutti come un grande personaggio)

G.: “Aro monaco piaceva iessere na celebrità, iessere siempre ‘ncoppa a vocca da gente … pe e ccose bone, re carità, e pe chelle umane, sanguigne … pazzianno specialmiente co e belle signure … e Cusenza c’ho permiettiva” (Al monaco piaceva essere una celebrità, essere sempre sulla bocca della gente, per le cose buone, di carità, e per quelle umane, sanguigne … scherzando specialmente con le belle signore … e Cosenza glielo permetteva)

P.: “E belle signure ierano o suio punto debole, me pare” (Le belle signore erano il suo punto debole, mi pare)

G. : “E quarcuno s’è servito do punto debole suio pe farlo abbuccà e scredità” (E qualcuno si è servito del suo punto debole per trarlo in inganno e screditarlo)
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Ven 10 Lug - 0:48

Napoli 9 luglio 2015
Riferimenti giornalistici: 
- Sentenza compravendita senatori.

“Avite visto Gennarì chello ca ricette Prodi?”, chiede Pasquale, l’edicolante, a Gennarino. (Avete visto, Gennarino, ciò che ha detto Prodi?)
 
Gennarino: - “Si, Pascà. Ricette na cosa c’avesse fà pensà: 'Non mi sono costituito parte civile perché ritengo che sia stata lesa la democrazia e non la mia persona'. So parole tuoste e o professure è no professure. Veco venì Donna Francesca … Non m’appare tanta prioccupata. Bona iurnata, Donna Francesca!” (Si, Pasquale. Ha detto qualcosa che dovrebbe far pensare: 'Non mi sono costituito parte civile perché ritengo che sia stata lesa la democrazia e non la mia persona'. Sono parole dure ed il professore è sempre un professore . Vedo venire D. Francesca … Non mi appare tanto preoccupata.  Buona giornata, D. Francesca!)
 
D. Francesca: - “Buona iurnata pure a vuie. Avite  visto comme se so ncapunuto  co o fidanzato meio? È o vvero chello ca ricette isso: 'Una assurda sentenza politica al termine di un processo solo politico costruito su un teorema accusatorio risibile'. Gennarì, teorema accusatorio risibile, no saccio veramente che vole significà risibile, ma è na vera persecuziune re e iudici.” (Buona giornata pure a voi. Avete visto come si sono intestarditi con il mio fidanzato? E’ vero quello che ha detto: “Una assurda sentenza politica al termine di un processo solo politico costruito su un teorema accusatorio risibile“. Gennarino, “teorema accusatorio risibile”, non so veramente che voglia significare risibile, ma è una vera persecuzione dei giudici)
 
P. : - “Mperò, D. Francesca, pure o fidanzato vuosto n’a cumbinato una reto l’ata. Isso, forse sienza voluntà, a vutà ‘e cancàre tutt’e iudici r’Italia”. (Però, D. Francesca, anche il fidanzato vostro ne ha combinata una dietro l’altra. Egli, forse senza volerlo, ha fatto uscire dai gangheri tutti i giudici d’Italia)
 
D. F.: - “Pascà non te scurdà ca o fidanzato meio facette bene a tutti e recoglieva bene re tutti”. (Pasquale, non dimenticarti che il fidanzato mio ha fatto del bene a tutti e raccoglieva bene da tutti)
 
G. : - “È o vvero, mò co o senature, paesano nuosto, primma co a marucchina e cu tant’ate belle guaglione, primma ancora … “ (è vero, adesso con il senatore, nostro paesano, prima con la marocchina e con tante belle ragazze, prima ancora …)
 
D. F. : - ”Ginnarì volite nzerrà sta vocca? No ve fate scuorno de ricere ste ccose nfami? O fidanzato meio è stato vutato ra decine re milioni ri perzone. No scurdà ca è mieglio re Napulione”.  (Gennarino, volete chiudere questa bocca? Non vi vergognate di dire queste cose imfamanti? Il fidanzato mio è stato votato da decine di milioni di persone. Non scordarti che è meglio di Napoleone)
 
P. : - “Napulione è stato disterrato ncoppa n’isula” (Napoleone è stato esiliato su un isola)
 
D. F.: - “Avite penzà ca o fidanzato meio rest’a casa. E iudice anno furnuto re sa spassià cu isso. Roppo o 6 re noviembro virimmo chi se sfizia mieglio”.  (Dovete pensare che il fidanzato mio rimane a casa. I giudici hanno finito di divertirsi con lui. Dopo il 6 novembre vediamo chi si diverte meglio)
 
P.: - “Vene a prescrizione  …” (Viene la prescrizione …)

D. F. : “No a prescriziune, Pascà, ma o scuorno pe e perzune ca vonno male aro fidanzato meio. Stateme buoni!” (No la prescrizione, Pasquale, ma la vergogna per le persone che vogliono male al fidanzato mio. Statemi bene)
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Lun 13 Lug - 11:04

Riferimenti sociali: La Buona Scuola

Gennarino, il netturbino: - “Guarda Pascà, sta venendo la nostra amica”
Pasquale, l’edicolante: - “Gennarì, Donna Francesca è più elegante del solito …”
Donna Francesca: - “Buon giorno carissimi. Che fate stamani di buona ora?”
G.: - “Pascà hai sentito? … che anche la signora … s’è messa a fare le nostre stiesse cose?”
P.: - “Donna Francesca illustre, buon giorno, ma non parlate più il napulitano?”
D. F.: - “Aggiornarsi! Bisogna aggiornarsi continuamente. Ma pure voi mi sembrate diversi. Vi sentite bene o per caso è successo quarcosa?”
G.: - “Sì, avete visto bene. E che … siamo ritornati a scuola. Frequentiamo una scuola serale per prendere il diploma. Dobbiamo parlare l’italiano, anche fra noi. E ci stiamo riuscendo, io e Pasquale. A casa, con mia moglie, songo al punto di prima … “
D. F.: - “State pazziando? Vi siete messi a frequentare una scuola serale … per prendere un diploma; alla vostra età?”
P.: - “Aggiornarsi e migliorarsi ... Abbiamo saputo che i direttori scolastici adesso possono numinare a loro piacimento e noi ci stiamo, come dire, ‘attrezzando’. Conosciamo un preside e … non si sa mai, che con il diploma possiamo essere in servizio effettivo, in una scuola statale”
G.: - “Ma pure voi … state frequentando una scuola?”
D. F.: - “Gennarì, ma te pare che con il fidanzato che ho debbo frequentare 'na scola per prendere un diploma? Io ho già la laurea in tasca in lingue antiche, moderne, future, orientali ed occidentali … debbo solo scegliere la scola che mi deve pagare lo stipendio! Anzi, mò che ci penso ne scelgo pure due di scuole!”
G.: - “Noi possiamo dire solo che ... 'ncominciamo dal basso. Salutateci il fidanzato vostro!”
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Mar 28 Lug - 19:11

Riferimenti: Candidatura al parlamento russo 

“Guarda guarda Pascà ... Donna Francesca s’è messa una pelliccia ncopp’a capo!”
Pasquale: “Gennarì è no cappello che se usa in Russia, con la neve. Donna Francesca come mai questo cappello sulla testa?”
Donna Francesca: “È no colbacco, no copricapo russo. M’aggio mparà a portarlo perché siamo stati invitati in Russia da un amico del fidanzato mio e voglio figurare con la sua fidanzata Galina Cocimilova, che ce tene a ‘ste cose”.
Gennarino: “Allora è o vero ca o fidanzato vostro vuole candidarsi al parlamento russo?”
D. F.: “Come se sape nesciuno è no profeta allo paese soio. O fidanzato mio è stato invitato per fare politica anche in Russia. Se vede che pote affrontare e risolvere tutt’i problemi della gente, proprio come Napolione.”
G.: “Ma in Italia, allo Paese nostro, ha risolto sulamente i problemi soie”
D.F: “Che vocca amara ca tenite, Gennarì. Se era accussì, nesciuno lo invitava a candidarsi”
G.: “Se candida pe godé dell’impunità diplomatica quando viene in Italia. In Russia, come allo Paese nostro, in parlamento s’assettano persone che hanno aggiustà solo le loro cose, ed il fidanzato vostro sarebbe di troppo”
D.F.: “O fidanzato mio può fare tutt’e cose. Se dicette ca o vogliono in Russia se vede che ne hanno bisogno”
P.: “O fidanzato vostro, là, cara Donna Francesca, toglierà il posto a qualche altro, più bisognoso ... con la giustizia. Aggio sentito che là se non comandi sei inguaiato”
D.F.: “Comme accà, Gennarì, comme in Italia. Se non governi i giudici te rovinano!”
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Gio 30 Lug - 8:05

Riferimenti: Anniversario di matrimonio   


fischia Cerasella, Cerasè... 
dint' 'o tiempo d' 'e llimone, / mme rialaste nu schiaffone...
Cerasella, Cerasè...
mo ch'è 'o tiempo d' 'e ccerase, tu mme vase...
Si' limone, si' cerasa...
sott'o sole ca te scarfa / te faje doce...
Si fa friddo, si' na mela... / e ll'ammore, dint' 'o core, / te se ge-e-la...
Cerasella, Cerasè... / Vola e dice 'sta canzone:
"Pe' ll'asprezza 'e 'sta canzone, / 'o core mio, se fa limone..."
E tienatello ll'agro e damme 'o ddoce,
ca nun te pòzzo dí quanto mme piace,
Cerasella, Cerasè'... / vola e dice 'sta canzone:
"Cu nu vaso o nu schiaffone / si' cerasa e si' limone!..."
si' cerasa... / si' limone...

Cerasella, Cerasè...    fischia


“Gennarì, ma che te ricette a capo ... di cantare na canzona di prima mattina? Ma, ti senti bene?”
“Pascà mi sto preparando ad un giorno speciale” risponde Gennarino.
P.: “Che giorno speciale, Gennarì? Me puoi levare ‘sta curiosità”
G.: “Mi sto preparando al 7 agosto, Pascà: all’anniversario del mio matrimonio”
P. : “O maronna mia, che bella notizia … e che cumbinazione!”
G.: “Quale cumbinazione, Pascà? La festeggio tutti gli anni questa ricorrenza”
P. : “Ti potevi sposare nel giorno di San Lorenzo, con le stelle cadenti, invece ti sei sposato il 7 agosto, proprio nel giorno di mezza estate! Allora fai bene a prepararti in anticipo. Tanti auguri e mi raccomando Gennarì, sogna, sogna tutt'e cose!"
G.: " Io sapevo della notte di San Lorenzo, ma del giorno di mezza estate, te lo giuro Pascà, non sapevo proprio niente. E' un giorno speciale, allora? Mi tocca festeggiarlo ancora meglio, fino a notte ... per sognare pure! Ti ringrazio della notizia."
Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Lun 7 Set - 23:52

Riferimenti: le telefonate a qualsiasi convegno.


“Avete visto che il fidanzato mio è più grande di Napulione?” grida Donna Francesca passando davanti l’edicola di Pasquale.
“Come fate a dire cheste cose, Donna Francesca, che ha fatto mò il vostro fidanzato?” risponde da un angolino Gennarino, il netturbino.

“Gennarì, voi siete comme San Tommaso. Napulione per dare ordini se serviva de “galoppini”, ma ‘o fidanzato mio per fare prima dà i comandi alla truppa, pure dalla Russia, usando sole le mani, come se avesse un telefono. Solo isso tiene questo potere. Isso è straordinario: è n’unto di qualche dio”.

Tornare in alto Andare in basso
Gennarino Esposito



Età : 68
Località : Napoli

MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Mar 15 Set - 12:07

Riferimenti: Viaggio in Russia

Gennarino, alzando lo sguardo, non può fare a meno di interloquire con i conoscenti: -  “Buongiorno ... Donna Francesca illustre. O fidanzato vostro me pare proprio no guaglione. Co ‘o russo, compare suo, chissà che va facenno a sera, da chelle parti?”
D. Francesca: - “Bongiorno, Gennarì? Tieni sempre a vocca avvelenata: che vuoi dire ncoppa o fidanzato mio? Isso è stato ed è sempre no bello guaglione, cchiu bello de o compare russo, me pare, no Pascà?”
Pasquale, l'edicolante: - “A vedere la foto, è proprio o vero D. Francesca”



Gennarino: - “Ma io chesto stavo dicendo … o stavo vantando e me stavo quasi a preoccupà pe voi”
D. F.: - “Io songo sempre io, nu te lo scordà. Comm’a mme non c’è nesciuna. Pote conoscere tutte le donne del mondo ca comme a mme non la trova da nesciuna parte!”
Gennarino: - "Ne sono convinto, assai ... e o potete dire ad alta voce. Statemi bene D. Francesca”
D. F. : - “Vi saluto a tutt’e doie, ne virimmo!”
Tornare in alto Andare in basso
Contenuto sponsorizzato




MessaggioOggetto: Re: A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...   Oggi a 21:16

Tornare in alto Andare in basso
 
A Napoli, in Piazza Plebiscito succede ...
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» NAPOLI - I.D.F. s.r.l.
» cerco lavoro come onicotecnoca a Napoli
» Corso a Napoli
» Napoli - Centro Chemis Iaccarino
» NAPOLI - Clinica Mediterranea

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
ES - Circolare Rossa :: Via Induno :: Cuori in poltrona-
Andare verso: