Salve Ospite. Ti trovi nel forum ES - Circolare Rossa. Buona navigazione.
 
PortalePortale  IndiceIndice  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Condividere | 
 

 La finanza capovolta

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: La finanza capovolta   Dom 19 Apr - 9:31

In economia assistiamo a strani fenomeni, stranezze finanziarie mai viste prima.A gennaio la banca Centrale Europea ha annunziato un piano che prevede l'acquisto di titoli di stato per centinaia  di miliardi di euro.Siamo già al secondo mese di attuazione del programma e assistiamo al crollo del prezzo dei titoli e ad una svalutazione dell'euro  che corre ormai verso la parità con il dollaro.La Germania, e le altre economie europee più forti, hanno cominciato ad emettere titoli di stato con tasso negativo.Gli investitori, in cambio della sicurezza del rimborso,hanno sostanzialmente accettato di incassare una cifra leggermente inferiore a quella investita.In una economia debole si è disposti a tutto,ma non si era arrivati a tanto prima d'ora.Si tratta di un fenomeno eccezionale che sta portando notevoli vantaggi ai bilanci degli stati,per l'Italia il risparmio è valutato in un paio di miliardi di euro,ma che crea notevoli problemi ad esempio per i fondi pensione che investono le loro disponibilità in titoli di stato delle economie più forti.A breve potremmo essere raggiunti da una telefonata della nostra banca dove ci viene annunziato che sul nostro conto corrente verrà applicato un tasso negativo, dovremo pagare per tenere il denaro nella nostra banca.Appunto, stranezze finanziarie mai successe prima.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: La finanza capovolta   Dom 19 Apr - 15:31

E’ un altro capitolo della finanza che non si vuole sporcare le mani con l’economia reale, persino con il mondo reale.
Nel mondo del capitale, oggi, esiste solo l’idea di accumulazione e zero rischi, anche se significa zero guadagni.
Tanto gli stati salvano sempre le banche, senza salvare le fabbriche. Essendo un ganglo di sistema, la finanza si è costruita le sue leggi,  si è abituata alla speculazione senza investimenti produttivi, alla deregulation globalizzata, quindi basta sedersi sulla sponda del fiume ad aspettare che si presentino nuove occasioni di investimenti facili e protetti.
Il quantitative easing, senza prescrizioni per quote obbligatorie di investimenti  produttivi, serve solo a far respirare meglio le borse, il mondo virtuale che è il solo riferimento della finanza.
Tornare in alto Andare in basso
 
La finanza capovolta
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Finanza atea e Finanza religiosa
» Dorotheum aste; Vienna 10-11 giugno 2015

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
ES - Circolare Rossa :: Ponte Matteotti  :: La storia siamo noi-
Andare verso: